Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

C.Fondiario, crescita e poi l’Ipo

Siamo molto attenti alle dinamiche di consolidamento. Con Banca Ifis l’operazione non è andata in porto per questioni legate alla governance, ma rimaniamo attenti a deal che creino valore. L’ipo non è accantonata, rimane una delle opzioni per Credito Fondiario, ma prima di andare in ipo serve una crescita dimensionale»: lo ha affermato il direttore generale Iacopo De Francisco, interpellato sulle indiscrezioni che parlavano di una quotazione del gruppo.

«Nel 2020 c’è una pipeline importantissima», ha aggiunto De Francisco. «Abbiamo voglia di crescere per linee interne con l’acquisizione di contratti e portafogli, ma guardiamo anche alla possibilità di combinazione con altri operatori per cassa o per carta, presenti sul mercato, se c’è una comunione di interessi e di visione e la volontà comune di portare a casa sinergie». L’ipo verrà valutata nella parte finale dell’anno: «Se si presenterà un’opportunità e una finestra di mercato, bene, altrimenti non abbiamo bisogno di farlo per forza. Le risorse per crescere le abbiamo già all’interno e non abbiamo azionisti che hanno esigenza di uscire o monetizzare, quindi siamo liberi di scegliere».

Intanto, nel 2019, Credito Fondiario ha realizzato un utile netto consolidato di 40,6 milioni di euro, il più alto in 120 anni, a fronte di un margine di intermediazione di 94,5 milioni. L’istituto sta riflettendo su eventuali cambi di nome e su modifiche in tema di licenza bancaria. Questo dipenderà anche dall’evoluzione della normativa sul Calendar provisioning e, comunque, riguarderà i portafogli in arrivo sul mercato nel 2022.

Il d.g. dell’istituto ha spiegato che Il mercato degli Npe è in fermento e che il consolidamento ci sarà: «Si andrà verso pochi grandi servicer regolati». Il mercato è ancora in crescita per il settore del servicing, trainato dall’esigenza di riduzione dell’Npe ratio sotto il 5%. Basti pensare alle Gacs sugli Npl, alle cessioni di portafogli leasing, a quelle su Utp, oltre alla continua attività di cessione di Single Name.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Quasi due milioni di lavoratori autonomi hanno fatto domanda per avere l’indennità di 6...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Destano forti preoccupazioni gli effetti economico-finanziari causati dai provvedimenti conseguenti ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proroga di un anno per il Codice della crisi. Probabilmente già con un emendamento da inserire in s...

Oggi sulla stampa