Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

BTp, scendono tassi e spread

È stata una giornata nel segno della tregua, ieri, per i titoli di stato italiani e spagnoli dopo il tracollo di lunedì. I BTp e i Bonos hanno recuperato in parte il terreno perduto, con rendimenti in lieve calo e prezzi al rialzo sostenuti da qualche timido lotto in acquisto di entità modesta. Il mercato anche ieri si è mostrato fragile: illiquido, scambi rarefatti, ampia volatilità e nessuna voglia di acquistare, esporsi e rischiare prima della riunione dei capi di Stato e di governo di domani. I BTp decennali sono tornati sotto la soglia psicologica del 6%, chiudendo al 5,74% con uno spread contro i Bund sceso a 307 punti base (centesimi di punto percentuale). I Bonos a dieci anni hanno terminato al 6,12%, tenendosi sotto il picco massimo del 6,30%, con un differenziale contro i Bund sceso a 345 centesimi.

Ancora ieri, tuttavia, sono state le scadenze più corte a tenere tirata la corda della tensione. Spagna e Grecia hanno messo a segno ammontari importanti tramite emissioni di Letras e T-bills: ma il costo della raccolta resta elevato. La Spagna ha raccolto 4,4 miliardi (portandosi molto vicino alla soglia massima della forchetta fino a 4,5 miliardi) con titoli a 12 mesi (3,788 miliardi) e 18 mesi (660 milioni), collocati rispettivamente al 3,70% (contro il 2,695 dell'asta precedente) e al 3,912% (contro il 3,260 dell'asta di giungo). Per il Tesoro spagnolo, in un solo mese il costo del finanziamento è salito dell'1% sulla scadenza a un anno: nell'ultima asta dei BoT a dodici mesi, che ha avuto luogo in una giornata nerissima, il rendimento per l'Italia è salito dell'1,53% in un solo mese. La Grecia ieri ha raccolto 1,625 miliardi con T-bills a tre mesi collocati al 4,58% (in lieve calo rispetto al 4,62% di giugno).

I rendimenti assoluti pagati da Spagna e Grecia mal si confrontano con i tassi delle ultime aste di Francia e Germania: i BTF francesi a 12 mesi sono stati venduti lunedì per 1,5 miliardi al tasso dell'1,184%, in calo di una trentina di centesimi rispetto all'emissione di giugno. Infine oggi la Germania è attesa con un'asta di Bund trentennali, che ieri viaggiavano al rendimento – ben poco appetibile stando ai traders – del 3,40%: quasi un punto percentuale in meno rispetto a quanto l'Italia sarebbe costretta a pagare in questo momento per un titolo di stato a due anni. Lo spread tra i BTp a due e cinque anni, contro gli Schatz e i Bobl tedeschi, ieri è rimasto in area 309 e 342 centesimi. «La Spagna e la Grecia si sono finanziate raccogliendo gli importi previsti con le aste dei titoli a breve termine. Ma per valutare se un'asta è andata bene non bisogna guardare solo gli ammontari collocati ma soprattutto i prezzi e i rendimenti di assegnazione perché quello che conta è il costo del finanziamento del debito che incide nel tempo sulla sostenibilità dei conti pubblici», ha commentato ieri Giuseppe Maraffino, esperto di mercato monetario e analista di Barclays capital.

Le tensioni non si placheranno fino a quando l'ultimo granello di incertezza sul futuro dell'euro e della Grecia non sia stato rimosso politicamente, economicamente e finanziariamente dal mercato. Se domani nessun dettaglio decisivo dovesse trapelare dalla riunione degli sherpa dei ministeri dell'Economia e delle Finanze europei, e se la dichiarazione politica dei capi di Stato e di governo dovesse suonare come un ennesimo rinvio, gli investitori istituzionali rimasti finora alla finestra avrebbero un ulteriore buon motivo per chiudere i libri e andarsene in vacanza "corti" di Europa, lasciando che i titoli di stato dell'eurozona periferica continuino ad essere perseguitati dagli spettri del default.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa