Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Btp Italia, il Tesoro fa il pieno Subito richiesti 4 miliardi

MILANO — Un po’ di fortuna non guasta. E ieri, primo giorno di collocamento del Btp Italia nell’era Covid, ci sono stata molte buone notizie – a partire dall’accordo Francia Germania sul Recovery fund da 500 miliardi – che hanno portato ottimismo sui mercati e tra i potenziali sottoscrittori. La discesa dello spread tra Btp e Bund tedeschi, migliorato di 20 punti rispetto a venerdì, ha fatto il resto.
Sta di fatto che se di chiamata alle armi si trattava, la risposta è stata forte e generosa: oltre quattro miliardi di euro di sottoscrizioni, per un totale di quasi 110 mila contratti in un giorno solo. In una giornata è stata superata tutta la quota di Btp Italia sottoscritta dal retail nell’emissione precedente, quella dell’ottobre scorso, mentre per numero di contratti è il secondo miglior risultato di sempre (il primato tocca all’edizione dell’aprile 2014, peraltro appena scaduta). A questo punto il traguardo dei 10 miliardi di raccolta complessiva – inclusi gli istituzionali – è a portata di mano; potrebbe andare meglio. Alle richieste dei risparmiatori, che hanno a disposizione ancora oggi e domani per le sottoscrizioni, non verranno messi limiti mentre per gli istituzionali si potrebbe andare al riparto, se la domanda dovesse essere troppo alta. In genere il Mef tende a non avere singole emissioni troppo grandi come importi.
«È stato un successo al di sopra delle nostre previsioni, anche alla luce delle difficoltà tecniche di questi giorni – spiega Davide Iacovoni, capo della Direzione Debito pubblico del Mef – bisogna dire che lo sforzo degli sportelli bancari e postali è stato rilevante. Ora mi aspetto un fisiologico calo, nelle prossime due giornate dedicate al retail, ma fin d’ora è stata un’emissione che ricorderemo. E il numero piu interessante è la partecipazione dei piccoli: il taglio medio dei contratti in questo primo giorno è stato di 37 mila euro contro i 59 mila dell’emissione record del 2014 e i 63 mila dell’ultimo collocamento».
Un risultato cui il Mef tiene molto: coinvolgere i risparmiatori al dettaglio, in un numero quanto più esteso possibile. Il tasso minimo offerto ha avuto il suo ruolo (insieme al premio dell’8 per mille, raddoppiato rispetto alle precedenti emissioni): la cedola dell’1,4% è in linea con i rendimenti dei Btp nominali di pari durata (5 anni) scambiati sul mercato secondario. Il Btp Italia, in più, ha il recupero dell’inflazione, ove questa si manifestasse. Non è una garanzia assoluta, se si dovesse vendere il Btp Italia prima della scadenza. Sul mercato secondario molte emissioni vengono scambiate a prezzi inferiori a 100. Ma un Btp agganciato all’inflazione ha una piccola rete di salvataggio rispetto ai Btp tradizionali.
È possibile che ci sia un’altra emissione di Btp Italia, nei prossimi mesi, ma una decisione non è stata presa. «Di sicuro ci sarà un’emissione di un nuovo titolo di Stato – continua Iacovoni – molto probabilmente diretto solo al retail, anche se su questo punto stiamo facendo ancora qualche riflessione. Di sicuro non sarà indicizzato all’inflazione italiana e avrà caratteristiche innovative, che non andranno a cannibalizzare gli strumenti già esistenti».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il colosso cinese Huawei non compare nella lista dei fornitori ammessi alla gara indetta da Tim e pa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tutti sulla nuvola a caccia dell’oro del secolo: i dati. Come custodirli, in sicurezza. E scambiar...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rinvio al 30 settembre del termine per l'approvazione dei bilanci di previsione 2020-2022 e della sa...

Oggi sulla stampa