Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bruxelles promuove l’Italia: manovra ok, debito da ridurre

La Commissione Ue non aprirà la procedura per deficit eccessivo contro l’Italia. La correzione dei conti 2015 prevista dalla Legge di stabilità è sufficiente. La Francia dovrà ridurre il deficit sotto il 3% entro il 2017. La Germania deve aumentare gli investimenti per contenere l’attivo estero. Draghi: il Qe continuerà finché l’inflazione non risalirà. pagina 3

Con una decisione in linea con le ultime scelte accomodanti a livello comunitario, la Commissione europea ha annunciato ieri il via libera alla Finanziaria italiana per il 2015. Nel contempo, ha deciso di non aprire alcuna procedura per non rispetto delle regole di risanamento del debito pubblico, a causa del cattivo andamento dell’economia. Ciò detto, l’esecutivo comunitario ha optato per mantenere comunque l’Italia sotto sorveglianza a causa di squilibri macroeconomici eccessivi.
Per quanto riguarda gli sforzi di bilancio, la Commissione ha annunciato che raccomanderà al Consiglio «che non vi sia alcuna procedura per deficit eccessivo contro Belgio, Italia e Finlandia, anche se questi paesi non sono in linea con il valore di riferimento del debito». L’esecutivo comunitario ha deciso di tenere conto sia dell’economia debole che dell’adozione di nuove riforme, ha spiegato in una conferenza stampa qui a Bruxelles il vice presidente della Commissione Valdis Dombrovskis.
La presa di posizione della Commissione era ormai attesa (si veda il Sole 24 Ore di martedì). Non solo per le voci circolate qui a Bruxelles da una settimana, ma anche perché le nuove linee-guida interpretative del Patto di Stabilità e di Crescita, pubblicate in gennaio dalle autorità comunitarie, lasciavano presagire un atteggiamento accomodante, tenuto conto della congiuntura. In particolare, sul fronte del deficit, le nuove regole prevedono aggiustamenti limitati per i paesi in crisi economica.
Secondo le nuove linee-guida, un paese come l’Italia, con un output gap negativo tra il 3 e il 4% del Pil, deve adottare misure per ridurre il deficit strutturale dello 0,25% del Pil (l’output gap è il divario tra crescita potenziale e crescita reale). In precedenza, indipendentemente dallo stato dell’economia, la riduzione strutturale doveva essere dello 0,5% del Pil. Ieri il commissario agli affari economici Pierre Moscovici ha detto che Bruxelles considera lo sforzo promesso dal governo nel 2015 «sufficiente».
Da Roma, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan si è detto soddisfatto dell’opinione espressa dalla Commissione: «Il riconoscimento della corretta impostazione che abbiamo dato alle finanze pubbliche è un risultato importante». Il mancato avvio di una procedura di infrazione da parte dell’Unione è dovuto «soprattutto alle riforme strutturali attuate dal Governo italiano e a una politica economica che sostiene la crescita pur continuando nel percorso di risanamento dei conti pubblici».
Anche sul fronte della mancata riduzione del debito (pari a 132% del Pil nel 2014), la Commissione ha deciso di essere magnanima. Lo stesso Moscovici ha sottolineato che l’impegno alla riduzione del passivo sarebbe stata «insostenibile» per l’Italia, un paese che ha subito quattro anni di recessione. D’altro canto, già in novembre, quando aveva deciso di rinviare a ieri il suo giudizio sulla Finanziaria 2015, Bruxelles aveva preannunciato quale fattore rilevante la grave crisi economica.
Le stesse riforme adottate o promesse dal governo hanno influenzato le scelte di Dombrovskis e Moscovici, sancendo il desiderio di Bruxelles di concedere a un paese margini di manovra sul fronte del bilancio, se questo nel contempo adotta misure strutturali. Secondo la Commissione, la recente riforma del mercato del lavoro (il Jobs Act) «introduce cambiamenti decisivi (…) tali da migliorare la riallocazione del lavoro attraverso settori e promuovere una occupazione a tempo indeterminato più stabile».
Bruxelles considera quindi «cruciale» la continua adozione di riforme economiche. Anzi, nella documentazione approvata ieri si legge che la mancata adozione di misure di modernizzazione dell’economia può diventare «un fattore rilevante» nel decidere in futuro se aprire o meno una procedura di deficit eccessivo per mancato rispetto della riduzione del debito pubblico. Particolare attenzione la Commissione presterà quindi al piano nazionale delle riforme e al programma di stabilità, attesi in aprile.
Il test di credibilità dell’Italia non è quindi terminato. Lo stesso Moscovici ha avvertito ieri di avere scritto al governo italiano «per sottolineare che il criterio del debito non è morto». Peraltro, il paese rimane nel mirino delle autorità comunitarie a causa di squilibri macroeconomici eccessivi, che richiedono secondo Bruxelles misure di politica economica «decisive» e «un monitoraggio specifico». Criticati sono sempre il debito pubblico elevato e la bassa competitività economica.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa