Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Brexit, a Piazza Affari (-12,48%) è andata in scena la Caporetto delle banche

Crollo storico per Piazza Affari dopo la vittoria della Brexit che porterà la Gran Bretagna fuori dall’Unione europea. L’indice principale Ftse Mib ha chiuso la seduta con una flessione monstre del 12,48% scivolando a 15.723 punti. Superato di gran lunga il record (negativo) che si era visto il 6 ottobre 2008 quando perse l’8,24%, in piena fase del post-crac di Lehman Brothers. La dura correzione colpisce soprattutto i titoli bancari e i ribassi peggiori vengono segnati dalle piazze dove tale settore ha un maggior peso, ovvero Milano e Madrid (Ibex -12,35% Ã 7.788 punti). A registrare la flessione minore e’ invece proprio Londra, con l’Ftse 100 in calo del 2,76% a 6.163 punti grazie agli acquisti sugli esportatori, favoriti dal crollo della sterlina. Il Cac 40 di Parigi cede l’8,04% a 4.107 punti, il Dax di Francoforte lascia sul terreno il 6,82% a 9.557 punti. Con la Brexit è andata in scena a Piazza Affari la Caporetto delle banche italiane, che hanno registrato perdite intorno ai venti punti percentuale, mai registrate prima. Nonostante la Bce abbia assicurato di essere pronta a garantire liquidità addizionali, se necessario, in euro e in valute estere, a Milano, così come nel resto d’Europa, sono stati i titoli bancari a essere i più colpiti dal risultato del referendum britannico. A Piazza Affari, tra le blue chip, Bper ha lasciato sul terreno il 24,61%, Bpm il 24,28%, Unicredit il 23,79%, Banco Popolare il 23,3%, Intesa Sanpaolo il 22,94%, Mediobanca il 21,22%, Ubi il 20,69%. Unicredit, alle prese con la ricerca del nuovo Ceo, è scivolata a quota 2,076, portando la sua capitalizzazione a scendere a 12,8 miliardi. Un anno fa valeva tre volte tanto. In una nota questa mattina il ministero del Tesoro, che ha riunito il Comitato per la salvaguardia della stabilità finanziaria, aveva cercato di assicurare il mercato affermando che i fondamentali del nostro sistema bancario “restano solidi” e che, “in un contesto di volatilità generalizzata a livello globale, le autorità stanno seguendo con attenzione la situazione”. Ma a essere in ginocchio è stato l’intero comparto creditizio europeo: la spagnola Santander, molto presente nel Regno Unito, ha perso il 19,89%, Bankia il 20,78%, Bbva il 16,18%. A Francoforte Deutsche Bank ha ceduto il 14,13%, Commerzbank il 12,99%; a Parigi Credit Agricole il 14%, SocGen il 20,57%, Bnp Paribas -17,4%; a Zurigo Credit Suisse il 13,4%, Ubs l’11%. Peggio della performance delle italiane hanno fatto le banche della Grecia: Eurobank -30%, Alpha Bank -29,66%, National Bank of Greece -28,57%, Piraeus Bank -29,6%.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Meno vincoli della privacy per l’utilizzo delle nuove tecnologie in chiave antievasione. La deleg...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il green pass diventa obbligatorio per quasi 20 milioni di lavoratori. Da metà ottobre per acceder...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha preso il via il digital tour di Imprese vincenti 2021, il programma di Intesa Sanpaolo per la va...

Oggi sulla stampa