Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Brexit, May ci riprova terzo voto a Westminster

Non bastava l’ennesimo paradosso della Brexit, e cioè Theresa May (in foto) promessa dimissionaria qualora il suo accordo con l’Europa passasse in Parlamento. Le cose si complicano ancora di più. Oggi 29 marzo, data originaria di uscita di Londra dall’Unione europea, la premier britannica tornerà alla carica per la terza volta per far approvare dalla Camera dei Comuni il suo piano di uscita dall’Ue. Ma, attenzione, andrà ai voti solo mezzo accordo, cioè il cosiddetto “withdrawal agreement” (“accordo di recesso”), che include le misure concordate con l’Europa su protezione diritti cittadini Ue in Uk e viceversa, transizione fino a dicembre 2020, la “tassa” di circa 40 miliardi da pagare all’Ue e soprattutto il famigerato “backstop”, cioè la clausola imposta dall’Ue sull’Irlanda del Nord che rimarrebbe agganciata all’Europa in caso di disaccordi sul confine irlandese. Tutto il resto quindi, ovvero la “political declaration” allegata al primo testo ma in questo caso non vincolante e che delinea i rapporti futuri, economici e commerciali tra Ue e Regno Unito rimarrebbe fuori dal voto di oggi e dovrebbe essere approvato in un secondo momento. Perché dunque questa decisione? May vuole stanare i suoi ribelli e allo stesso tempo provare ad attirare a sé i laburisti di Corbyn. Il ragionamento è: intanto votate questa parte vincolante del mio accordo; sul resto, cioè come sarà la Brexit (con unione doganale, come piace a Corbyn, o altro), troveremo una soluzione. Ma il Labour ha già risposto picche, mentre i ribelli conservatori e gli unionisti nordirlandesi difficilmente voteranno il “backstop”. Insomma, a meno di sorprese clamorose, May oggi beccherà una terza batosta dal Parlamento. A che pro? C’è chi sussurra a Westminster per fare la conta nel partito e andare a nuove elezioni. E, in tal caso, Theresa potrebbe anche restare al comando: altro che dimissioni.

Antonello Guerrera

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa