Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il brevetto unitario Ue partirà a metà del 2019

L’avvio del nuovo sistema di brevetto con effetto unitario è attualmente previsto per la prima metà del 2019. Questo è indissolubilmente legato alla creazione del Tribunale unificato dei brevetti. Che avrà giurisdizione sui brevetti unitari e sui brevetti europei «classici». Così, invece di convalidare un brevetto europeo in diversi paesi, i titolari dei brevetti potranno scegliere di presentare una richiesta di effetto unitario e ottenere – in una singola e semplice procedura centralizzata dall’Epo (European patent office) – un brevetto unico che fornisce protezione uniforme in un massimo di 26 stati Ue; quelli partecipanti al sistema. Ciò ridurrà in modo significativo la complessità amministrativa odierna e i costi di convalida. Lo rivelano i nuovi chiarimenti divulgati dall’Epo (European patent office) nei giorni scorsi sull’entrata in vigore del brevetto unitario.Coesistenza tra le diverse tipologie di brevetti. I brevetti unitari coesisteranno con brevetti nazionali e brevetti europei «classici». In futuro, i proprietari di brevetti potranno scegliere tra varie combinazioni di brevetti europei «classici» e brevetti unitari, ad esempio:
– un brevetto univoco che fornisce protezione nei 26 Stati membri dell’Ue che partecipano al sistema di brevetto unificato, e
– un brevetto europeo «classico» che entra in vigore in uno o più Stati contraenti dell’Epc (European patent convention) che non partecipano al sistema di brevetto unificato (ad es. Spagna, Croazia, Islanda, Norvegia, Svizzera o Turchia) o che non hanno ancora ratificato l’accordo su un brevetto unificato e quindi non ancora aderito al sistema.Tasse rinnovo. È importante sottolineare che le tasse annuali per i brevetti unitari saranno pagate all’Epo. Ciò sarà molto vantaggioso per i titolari di brevetti in quanto non dovranno più pagare le tasse nazionali di rinnovo in valute diverse. Nei primi anni, la tassa annua per il mantenimento di un brevetto unitario per dieci anni è pari ad almeno di cinquemila euro .

Ad esempio, i costi complessivi sostenuti per un brevetto europeo convalidato nei quattro paesi in cui i brevetti sono attualmente più spesso convalidati (Germania, Francia, Regno Unito e Italia) e mantenuti per 12 anni possono ammontare a 11.850,00 euro (stima basata sul campione informazioni raccolte da consulenti in brevetti, con fornitori di servizi specializzati è probabile che i costi di transazione siano leggermente inferiori).

Sebbene le tasse di rinnovo per un brevetto unico per lo stesso periodo saranno leggermente più elevate, i costi di transazione saranno inferiori, portando il costo complessivo a 11.260,00 euro, il che equivale a un risparmio del 5% sul costo di un brevetto europeo classico. Tale risparmio aumenterà all’8% per i brevetti mantenuti per 15 anni.

Mario Ottaviano

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa