Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Brevetti, il governo ha scelto: Milano candidata per l’Europa

Milano è la città candidata dal Governo per ospitare la sede del Tribunale europeo dei brevetti. La decisione finale è arrivata alla conclusione del Consiglio dei ministri di ieri sera. A Torino andrà il Centro nazionale dell’intelligenza artificiale. Milano, invece, se la giocherà con Parigi (che già ospita la sede centrale del Tub), Monaco (che ospita una sezione) e una città della Spagna.

L’accelerazione è arrivata dopo settimane e settimane di silenzi da parte del governo e di polemiche da parte dell’opposizione. A fare la differenza è stata da una parte l’asse che si è creato tra il sindaco di Milano, Beppe Sala e il viceministro Cinque Stelle, Stefano Buffagni che ha lavorato al dossier di candidatura, dall’altra la forza critica di tutte le istituzioni milanesi – Comune, la Regione di Attilio Fontana, insieme ad Assolombarda, Camera di Commercio e la filiera dell’innovazione rappresentata da Alisei – che unite hanno fatto pressing sul governo. Una sorta di Modello Milano allargato anche alla rappresentanza dei Cinque Stelle. Una scelta non facile visto che l’altra città pronta a candidarsi era Torino governata da Chiara Appendino. A far pendere la bilancia sono stati i numeri che certificano il primato del territorio lombardo e milanese per quanto riguarda ricerca innovazione, premesse indispensabili di qualsiasi richiesta di brevetto. Nel decennio 2008-2018 Milano ha depositato 6.543 domande di brevetto europeo, vale a dire il 17,2 per cento del totale nazionale. Milano nel 2018 è la prima provincia nel Paese per domande di brevetto, seguita, ma ben distanziata, da Torino (303), Bologna (300), Vicenza (194) e Roma (180). I dati dell’Ufficio Europeo dei Brevetti relativi al 2019 e riferiti al livello nazionale registrano 4.456 domande, di cui 940 (pari al 21 per cento arrivano da Milano) e 1.493 dalla Lombardia (il 34 per cento). Sono i numeri che ieri il premier Conte ha illustrato in videochat a Sala e Appendino prima di informare il Consiglio dei ministri.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa