Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bpm stringe sull’M&A Sul tavolo tre ipotesi, Bper resta in pole

All’indomani degli esiti (preliminari) dello Srep, il processo di revisione prudenziale condotto da Bce, le banche italiane scaldano i motori in vista del potenziale risiko del settore. A muoversi, in questo quadro, è Bpm, i cui vertici proprio ieri hanno fatto il punto della situazione con gli advisor strategici Citi e Lazard. L’incontro – a cui hanno preso parte sia l’amministratore delegato Giuseppe Castagna che il presidente del Cds Piero Giarda – è servito a esaminare la rosa dei possibili soggetti a cui guardare per un’aggregazione. A quanto risulta, sul tavolo di Piazza Meda sarebbero rimasti di fatto tre dossier: Bper, Carige e Creval. Dal novero delle possibilità sarebbero dunque state escluse PopVi e Veneto Banca per problemi di prezzo, mentre il Banco Popolare – da tempo in dialogo con Ubi – appare più lontano. 
Modena, Genova e Sondrio sono tre soluzioni diverse per inquadramento geografico, modalità di possibile apparentamento nonché potenziali sinergie. E anche se al momento, come fanno notare fonti vicine alla banca «nessuna decisione è stata presa e tutte le soluzioni restano aperte», va detto che lo scenario che si sta componendo sembra veder favorito un possibile asse con la banca emiliana.
I colloqui tra i vertici delle due banche e i rispettivi advisor sono fitti da tempo. Il progetto del resto non è nuovo, visto che sarebbe la riedizione di quella fusione tentata nel 2007 ma poi bocciata a sorpresa dall’assemblea dei soci di Piazza Meda. A Modena quel “no” sull’altare brucia ancora, ma questa volta le cose potrebbero essere ben diverse. Il pressing del Mef e della Vigilanza per una razionalizzazione del sistema è netto. E in più, questa volta, c’è la novità dell’obbligo di trasformazione delle popolari in Spa imposto dalla riforma Renzi-Padoan, elemento che agevola le fusioni tra pari. La fusione avrebbe un senso industriale, vista la complementarietà dei due bacini di riferimento. Senza contare che entrambe le banche godono di una buona solidità sia sotto il profilo patrimoniale, dei rischi (entrambe risultano in classe 3 secondo la classificazione preliminare della Bce post-Srep) e della redditività. Bpm e Bper rappresentano rispettivamente la terza e quarta banca popolare italiana per asset alle spalle del Banco e Ubi, e insieme darebbero origine a un colosso da oltre 110 miliardi di attivi.
Tuttavia il progetto appare tutt’altro che semplice, sia in termini di equilibri di governance che operativi. Da verificare sarebbe ad esempio la definizione dei futuri ruoli dei due a.d., Giuseppe Castagna e Alessandro Vandelli, entrambi in rampa di lancio e apprezzati per il lavoro fatto sui relativi istituti.
Nulla esclude, peraltro, che una volta aggregate, Bpm e Bper non possano guardare in una seconda fase proprio a Carige e Creval, che per ora rimangono alla finestra e studiano il mercato, senza fretta.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia per diventare amministratore delegato e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non cede all’ottimismo il ministro dell’Economia Daniele Franco che punta l’indice sui due pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In punta di diritto: la contrarietà a un giudicato nazionale, nel contesto del giudizio di ottemper...

Oggi sulla stampa