Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bpm-Banco, primo sì della Bce

MILANO La risposta della Bce al nuovo piano — inviato lunedì — per la fusione Bpm-Banco Popolare è arrivata ieri. E ha richiesto un supplemento di lavoro ai banchieri Giuseppe Castagna e Pier Francesco Saviotti e agli advisor Lazard e Citi (per Bpm) e Mediobanca, Merrill Lynch e Colombo & associati (per il Banco), per una risposta che è già stata inviata ieri sera. Per rispettare appieno le condizioni della Vigilanza Bce (Ssm) sarebbero stati inseriti last minute nel progetto di fusione l’eliminazione fin da subito del tetto al 5% al diritto di voto, lo snellimento della governance sulle maggioranza assembleare e alcuni dettagli sulle svalutazioni dei non performing loans per portarli entro la media di sistema. Ora manca solo l’ok di Francoforte, atteso già per oggi.

Lo schema finale — che sarà discusso oggi dal board del Banco e dai consigli di sorveglianza e di gestione di Bpm — dovrebbe prevedere una fusione sostanzialmente alla pari, sede a Milano e Verona, nessun tetto al 5% fin da subito (dunque senza neanche i 2 anni previsti dalla legge Renzi sulle Popolari). La Bce avrebbe accettato l’idea di una Bpm spa autonoma per 3 anni sotto la nuova banca: Francoforte ha escluso la concessione di nuove licenze bancarie ma si farà ricorso a quella esistente di Popolare di Mantova, già del gruppo Bpm.

L’intervento del governo a favore della fusione nel rispetto delle condizioni della Bce e l’azione diplomatica svolta successivamente avrebbero raggiunto così l’obiettivo di non far naufragare l’operazione. Confermata la stretta sul capitale: il Banco dovrà realizzare «capital action» per circa 1 miliardo, con un mix di interventi compreso un collocamento di azioni riservato a investitori istituzionali (come le fondazioni Cariverona e Cr Lucca). Per favorire il dialogo con le autorità è intervenuto direttamente il ceo di Mediobanca, Alberto Nagel. E per questo Piazzetta Cuccia dovrebbe avere un ruolo nei rafforzamenti patrimoniali.

Proprio ieri mattina la presidente dello Ssm, Danièle Nouy, rispondendo al Parlamento Ue a una domanda sulla fusione aveva detto di essere «piuttosto fiduciosa sul fatto che le richieste della Bce siano state comprese». Lo Ssm sta «lavorando alacremente con i colleghi italiani perché vi siano adeguati paletti, non più del necessario, ma neanche meno», affinché la nuova banca «sia forte fin dall’inizio e in una situazione paragonabile a quella delle sue concorrenti in Italia». Il rigore Bce si spiega con il fatto che «è un’operazione molto importante e deve essere un successo perché magari sarà l’inizio di una serie».

Fabrizio Massaro

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Tocca ad Alfredo Altavilla, manager di lungo corso ed ex braccio destro di Sergio Marchionne in Fca...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I mercati incassano senza troppi scossoni la decisione della Fed di anticipare la stretta monetaria...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È sempre più probabile che non ci sarà alcun nuovo blocco - anche parziale - dei licenziamenti n...

Oggi sulla stampa