Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bper, utile a 101 milioni La cedola sarà in crescita

Accelera sul miglioramento della qualità degli attivi, Bper. E chiude i primi nove mesi dell’anno con un utile netto a 101,2 milioni, in crescita rispetto agli 82,6 milioni dello scorso. Un risultato che permette di «confermare la politica del dividendo, aumentandolo anche quest’anno», come accade «anno dopo anno, senza balzi, ma con una crescita graduale», ha detto l’a.d. Alessandro Vandelli, nel corso della conference call.
La banca ha raggiunto l’utile nonostante la cessione di circa 500 milioni di sofferenze lorde (in calo del 2,0% da fine 2015), mossa che però non ha avuto impatto a conto economico, visto il buon livello di copertura. E nello stesso tempo l’istituto ha confermato l’ottimo livello di solidità patrimoniale (ai vertici del sistema bancario italiano, visto il Cet1 ratio al 14,13% fully phased) con oltre 500 punti base di eccesso rispetto ai minimi Srep. Il cuscinetto potrebbe rivelarsi strategico in ottica di consolidamento, anche se su questo punto il manager frena gli entusiasmi. «Sul mercato ci sono tante opportunità» per un’eventuale aggregazione «ma tutte associate ad alti livelli di rischio. Noi aspettiamo un altro tipo di deal». Da tempo il mercato guarda a un possibile interessamento della banca modenese verso la Valtellina, dove operano Creval e PopSondrio. Per il manager «la cosa più importante» è capire in caso di fusione «il livello di rischio. È ovvio che vogliamo analizzare e completare una fusione solo se c’è creazione di valore, ma bisogna vedere anche il livello di rischio». Nessuna corsa all’aggregazione, insomma, perchè «a essere onesti – ha proseguito Vandelli – fino a ora abbiamo visto solo combinazioni con un alto livello di rischio».
Il buffer di capitale servirà ad aumentare le coperture sui crediti deteriorati in prospettiva, che comunque registrano una riduzione dei flussi in ingresso.Il passaggio da “bonis” a deteriorati è sceso dell’8,4% rispetto a settembre 2015 e del 25,6% rispetto al 2014. E proprio su questo fronte, Vandelli ha annunciato di lavorare a una potenziale nuova cessione di sofferenze prima di fine anno, anche se l’obiettivo di cedere 700 milioni di Npl per fine non è detto che sia raggiungibile.
Segnali di frenata arrivano dal margine di interesse (che scende del 5,2% a € 876,1milioni), complice un livello dei tassi a breve termine oramai in territorio negativo. A compensare il trend d’altra parte è il calo delle rettifiche nette complessive (-10,0% anno su anno) che registrano il livello più basso degli ultimi cinque anni.

Luca Davi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

TORINO — La produzione della 500 elettrica ferma i contratti di solidarietà nel polo torinese, tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non deve essere imputata la società unipersonale. Non sulla base del decreto 231. In questo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora al palo la corsa agli aumenti di capitale agevolati dall’articolo 26 del Dl 34/2020...

Oggi sulla stampa