Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bot, tassi sottozero. La Bce, scommessa sulla spinta di Draghi

In attesa che Mario Draghi oggi scopra le carte, quando la Bce annuncerà le decisioni di politica monetaria, il tasso dei Bot a 12 mesi torna negativo. Nell’asta di ieri il Tesoro ha venduto 6,5 miliardi di titoli, a un tasso di interesse medio di -0,226%, 33 punti base in meno di agosto. I tassi negativi sono un risparmio sulla spesa per gli interessi dello Stato sul debito, ma la prospettiva pesa sulla redditività delle banche e delle istituzioni finanziarie, erode il risparmio delle famiglie e spinge gli investitori ad assumere più rischi alla ricerca di rendimenti più alti. Perciò sempre più economisti riconoscono che un ulteriore allentamento della politica monetaria porterebbe più danni che benefici alla zona euro. Il mercato, che ha già scontato «un intervento sostanzioso», come anticipato a metà agosto dal governatore finlandese Olli Rehn, uno dei «falchi» del consiglio direttivo della Bce, scommette però su un rilancio del programma di acquisto di titoli (Qe) e su un taglio dei tassi di deposito presso la Bce, già oggi a -0,4%. E’ quanto vorrebbe accadesse in America Donald Trump, che ieri è tornato a sferzare il presidente della Federal Reserve, Jay Powell. «La Fed dovrebbe portare i tassi di interesse a zero o ancora meno, e poi dovremmo cominciare a rifinanziare il nostre debito», ha twittato. «È solo l’ingenuità di Jay Powell che non ci permette di fare quello che altri Paesi stanno già facendo. È un’opportunità che capita una sola volta nella vita che stiamo mancando per colpa di fessi».

Giuliana Ferraino

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’Europa è pronta a smembrare i colossi del Web che non rispetteranno le nuove regole sul digital...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nessuna autorizzazione preventiva, o per meglio dire nessuna esenzione in bianco per salire oltre il...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Invenzioni, brevetti, e altre opere dell’ingegno sono sempre più un pilastro dell’economia mode...

Oggi sulla stampa