Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse, vince la prudenza

Le borse europee hanno chiuso contrastate, con Milano in perdita, penalizzata dall’andamento negativo delle banche. Inoltre le buone trimestrali americane non sono bastate a far decollare Wall Street, che viaggiava debole. Il Ftse Mib ha ceduto lo 0,68% a 22.398 punti. Poco sotto la parità Parigi (-0,03%) e Madrid (-0,02%), mentre Londra ha guadagnato lo 0,30% e Francoforte lo 0,17%. L’indice Dax 30, nel corso della seduta, ha toccato il record storico a quota 13 mila, spinto da Lufthansa che ha manifestato un interesse su Alitalia nel caso in cui vi fosse la possibilità di creare una nuova compagnia aerea. A New York il Dow Jones era sulla parità e il Nasdaq saliva dello 0,09%. Lo spread Btp-Bund è sceso a 167.

Gli operatori si mantengono prudenti, in attesa di novità dalla Bce sulla copertura degli Npl bancari, dell’evolversi del quadro geopolitico e dei risultati societari provenienti dagli Usa.

A Piazza Affari lettera sui bancari: Banco Bpm -3,57%, Ubi B. -3,33%, Bper -2,94%, Unicredit -1,33%, Intesa Sanpaolo -0,97%, Mediobanca -0,49%. In controtendenza Campari (+3,01% a 6,51 euro), che ha segnato un nuovo massimo storico a 6,57 euro: il titolo, a detta di un analista, mantiene un trend di fondo positivo. In rialzo frazionale Italgas (+0,38% a 4,754 euro), su cui Berenberg ha avviato la copertura con rating buy e prezzo obiettivo a 5,3 euro: gli esperti pensano che i prezzi di borsa non valutino correttamente l’opportunità unica di crescita del dividendo, legata al consolidamento nel settore italiano della distribuzione del gas.

In ribasso anche Cnh I. (-0,59% a 10,1 euro), su cui Banca Akros resta comunque positiva, confermando la raccomandazione accumulate e il target price a 11,5 euro dopo il forte rimbalzo delle vendite di trattori negli Stati Uniti nel mese di settembre. Giù Telecom Italia (-1,69%), con il mercato che aspetta di avere un quadro più chiaro sul fronte della golden power. Pesante Azimut H. (-3,61% a 17,36 euro) dopo la raccolta netta di settembre che ha deluso leggermente le attese di Banca Akros.

Nel resto del listino ben comprate Salini Impregilo (+3,50%) e Erg (+2,78%). In profondo rosso, invece, Amplifon (-5,15% a 12,9 euro) che ha visto prese di profitto: mercoledì il titolo aveva aggiornato il nuovo record a 13,68 euro. I migliori titoli di tutta piazza Affari sono stati Sintesi (+13,08%), Mondadori (+6,92%) e Mondo Tv (+6,88%), mentre Chl ha lasciato sul terreno il 6,05%.

Nei cambi, chiusura debole per l’euro, che è rimasto sopra 1,18 dollari a 1,1847. Per le materie prime, quotazioni in discesa di circa 90 centesimi, con il Brent a 56,06 dollari e il Wti a 50,43. Acquisti sull’oro, che guadagnava 7 dollari a 1.293

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il consiglio di Atlantia (e quello di Aspi) hanno risposto al governo. Confermando di aver fatto tut...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Serviranno ancora un paio di mesi per alzare il velo sul piano industriale «di gruppo» che Mediocr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il piano strategico al 2023 rimane quello definito con Bce e sindacati. Ma una revisione dei target ...

Oggi sulla stampa