Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse Ue di nuovo in rosso

Chiusura in calo, ma sopra i minimi per Piazza Affari (-1,36%) e le altre borse europee appesantite ancora una volta dalle preoccupazioni per i tassi di interesse più elevati e per l’inflazione con le inevitabili conseguenze sulle economie mondiali. A Londra, l’indice Fitse 100 ha chiuso a -0,88%; Parigi di nuovo in parità, +0,00; Francoforte ha visto il Dax in calo dell’1,11% come Madrid con l’Ibex a meno 1,10, mentre a Wall Street il Dow Jones era in recupero dopo una partenza in calo. 

Intanto, Il Mef ha proseguito il collocamento del nuovo Btp Italia indicizzato in scadenza nel 2030, concludendo con la seduta di ieri la fase dedicata ai clienti retail. La domanda da parte degli investitori nel terzo giorno di emissione è stata pari a 1.397.753.000 euro, per un totale di 48.427 contratti. La raccolta complessiva supera i 7 miliardi, a 7,36 mld euro.

Lo spread ha chiuso in lieve contrazione, a 190,15 pb.

Hanno tenuto banco le parole di Jerome Powell, il numero uno della Fed, che nella sua audizione alla commissione bancaria del senato ha indicato che la Federal Reserve prevede di continuare ad aumentare i tassi di interesse fino a quando non vedrà chiare prove che l’inflazione sta rallentando verso l’obiettivo del 2% della banca centrale. Powel ha riferito che la banca centrale cercherà di evitare di creare nuove fonti di incertezza, ma «L’inflazione ha ovviamente sorpreso al rialzo nell’ultimo anno e potrebbero esserci altre sorprese in serbo».

Sul fronte macro da segnalare che l’indice di fiducia dei consumatori dell’area euro, secondo la lettura preliminare di giugno, si è attestato a -23,6 punti, in peggioramento rispetto ai -21,2 punti di maggio.

A Milano in caduta Saipem (-21,56%) dopo l’ok del cda ai dettagli dell’aumento di capitale (si veda articolo a fianco).

Deboli le banche: Banco Bpm -0,62%, Bper -0,15%, Mediobanca -0,37%, Unicredit -1,08%, Intesa Sanpaolo -0,29%.

Vendite tra le altre blue chip su Eni (-3,48%), Tenaris (-5,16%), A2A (-2,46%), Enel (-2,09%) e Cnh I. (-3,22%). Bene invece Finecobank (+2,63%), Amplifon (+1,37%), Poste I. (+0,46%) e Nexi (+2,31%).

Prezzi del petrolio in calo in mattinata sui mercati asiatici con il future sul Brent scambiato in calo del 3,30% a 110,84 dollari al barile mentre il Wti viaggiava a quota 105,44 dollari al barile (-3,74%).

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’inflazione all’8 per cento, la guerra, il lavoro povero, l’aumento delle diseguaglianze: la...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non più soltanto per le grandi aziende e le multinazionali: la sostenibilità, ambientale e social...

Oggi sulla stampa

Rassegna stampa per le imprese

Ancora un nuovo albo per gli esperti della crisi di impresa: entra formalmente in vigore mercoledì...

Rassegna stampa per le imprese