Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Abi, prestiti saliti del 3,9%. Allungare moratoria per pmi

Ad agosto sono cresciuti del 3,9% i prestiti a imprese e famiglie rispetto a un anno fa, secondo i dati dell’Abi contenuti nel consueto rapporto mensile del’associazione bancaria italiana. A luglio si era registrato un aumento tendenziale del 4,4% per i prestiti alle imprese (mentre a febbraio 2020 si registrava un valore del -1,2%). L’aumento è stato dell’1,7% per i prestiti alle famiglie. È necessario allungare le moratorie oltre il 30 settembre per aiutare le imprese a ripagare i debiti e a fare in modo che non si trasformino in crediti deteriorati, ha detto il vice d.g. dell’Abi, Gianfranco Torriero. Al momento le moratorie riguardano oltre un milione di pmi e sono state concesse alle imprese in base ai decreti Cura Italia e Liquidità, garantite al 30% dallo Stato e hanno consentito la sospensione delle rate su prestiti per un valore di circa 160 miliardi.

I tassi di interesse sulle operazioni di finanziamento sono rimasti ad agosto a livelli bassi. Il tasso medio sul totale dei prestiti è il 2,34% (2,34% anche il mese precedente e 6,18% prima della crisi, a fine 2007); il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese è l’1,01% (1,19% il mese precedente; 5,48% a fine 2007). Torna a salire il tasso sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni che si attesta all’1,31% (1,26% a luglio 2020, 5,72% a fine 2007). Migliora la qualità del credito. A luglio le sofferenze nette sono 24,6 miliardi di euro, in calo rispetto ai 31,9 miliardi di luglio 2019 (-7,3 miliardi pari a -23,0%) e ai 39,9 miliardi di luglio 2018 (-15,3 miliardi pari a -38,4%), tornando sui valori di settembre 2009. Rispetto al livello massimo delle sofferenze nette, raggiunto a novembre 2015 (88,8 miliardi), la riduzione è di oltre 64 miliardi (pari a -72,3%). Il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è dell’1,41% a luglio 2020 (era 1,83% a luglio 2019, 2,31% a luglio 2018 e 4,89% a novembre 2015). Cresciuti ancora i depositi (in conto corrente, certificati di deposito, pronti contro termine) saliti ad agosto di oltre 110 miliardi di euro rispetto all’anno scorso (variazione pari a +7% su base annua), mentre la raccolta a medio e lungo termine, cioè tramite obbligazioni, è scesa, negli ultimi 12 mesi, di circa 17 miliardi di euro in valore assoluto (pari a -7,1%). La dinamica della raccolta complessiva è aumentata del +5,2%.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La nuova autorità nasce il mese prossimo con l'obiettivo di colpire i traffici illeciti. Leggi ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alle imprese italiane che hanno fatto ricorso alle moratorie previste dall’articolo 56 del decret...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una spinta, sia pure indiretta, a una più complessiva riforma della riscossione (cui peraltro il G...

Oggi sulla stampa