Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse in tensione, cade Francoforte (-3,7%)

I mercati non sembrano credere all’abbassamento in tempi rapidi della curva dei contagi in Europa e nel mondo e, almeno per ora e almeno nel breve, anticipano l’aggravarsi della crisi dell’economia reale.

Tutte negative le Borse, con Milano in calo dell’1,76% (ma lo spread in tenuta a 130 punti) e Wall Street in profondo rosso oltre il 3% nel corso di una seduta che ha scontato la paura della seconda ondata e lo stallo dei negoziati sugli aiuti a una settimana dalle elezioni presidenziali. Al di qua dell’Oceano, a pagare il prezzo più alto ieri è stata la Borsa di Francoforte, che ha lasciato sul campo il 3,7% un po’ per il tracollo del 20% di Sap (l’azienda leader nei software gestionali ha tagliato le previsioni) ma soprattutto per la frenata dell’indice Ifo sulla fiducia delle imprese tedesche. L’indicatore è sceso a 92,7 dopo cinque rialzi consecutivi. Com’è comprensibile, maggior pessimismo è stato espresso dal comparto dei servizi e tuttavia anche la manifattura trema. Ora Berlino, insieme al resto delle capitali, guarda ai dati sul Pil in uscita venerdì.

Nell’Eurozona,la settimana è densa di «market movers». Giovedì si riunisce la Bce ed è previsto un video collegamento del board dei banchieri centrali con il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis. Christine Lagarde terrà poi la conferenza stampa dalla quale sono attese indicazioni sulla fine dell’anno più duro che è stato anche il suo primo alla presidenza della Bce dove si è insediata il primo novembre del 2019.

Male Parigi, la Borsa del paese con più contagi in Europa scesa dell’1,9%, mentre Londra ha contenuto il calo all’1%.

Quanto a Milano, l’azionario non è stato risparmiato dalle vendite tra poche eccezioni, mentre almeno sul mercato secondario dei titoli di Stato (Mts) il Btp sembra aver beneficiato della conferma da parte di Standard&Poor’s del rating sovrano dell’Italia a «BBB» con il miglioramenti l’«outlook» che da «negativo» è salito di un gradino a «stabile». Lo spread con il tedesco Bund si è ridotto, come detto, a 130 punti dai 132 punti di venerdì; il rendimento del Btp si sceso allo 0,70%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa