Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse, solo Milano positiva

Solo Piazza Affari, tra le borse europee, è riuscita a chiudere sopra la parità. Il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,15% a 23.541 punti, mentre hanno perso terreno soprattutto Francoforte (-1,41%), seguita da Londra (-0,57%) e Parigi (-0,50%). I listini hanno risentito della partenza incerta di Wall Street e del forte progresso dell’euro. In Germania ha pesato anche l’aumento dei rendimenti del Bund, saliti allo 0,715% nella scia dell’impennata del tasso sul decennale americano che è schizzato, per la prima volta da tre anni, al 2,75%.

A New York, in serata, gli indici viaggiavano in territorio positivo, con il Dow Jones e il Nasdaq rispettivamente a +0,28 e +0,13%. In frenata lo spread Btp-Bund, che si è ristretto di otto punti a 125.

A Milano in luce Ferrari (+7,46%) grazie ai risultati 2017. Bene anche Exor (+1,90%). Balzo di Cnh I. (+4,74%), che ha beneficiato delle dichiarazioni dell’a.d. Richard Tobin relative allo scorporo dei truck. S. Ferragamo, dopo avere toccato un minimo di 21,56 euro a causa delle vendite preliminari 2017 deludenti, ha invertito la rotta chiudendo in rialzo del 2,25%: un gestore non ha escluso che si possa tornare a scommettere su progetti di aggregazione. Leonardo (+1,13%) ha effettuato un rimbalzo dopo le consistenti vendite delle ultime due sedute.

Contrastati i bancari: Mediobanca è salita dello 0,98% e Unicredit dello 0,14%, mentre hanno prevalso le vendite su Ubi B. (-0,19%), Intesa Sanpaolo (-0,70%), Bper (-0,77%) e Banco Bpm (-1,96%). Giù Fca (-1,17%). Unipol (-1,85% a 4,359 euro) ha pagato il downgrade di Kepler Cheuvreux da buy a hold, con target price confermato a 4,6 euro. La stessa casa d’affari ha ridotto su UnipolSai (-1,15%) la stima di utile per azione 2017 del 5,5%. Nel resto del listino in gran spolvero Trevi Fin. (+7,66%), protagonista di un movimento di recupero.

Nei cambi l’euro, dopo un avvio debole, è tornato a rafforzarsi toccando un massimo di 1,2485 dollari e archiviando la seduta a 1,2474. Euro-yen in rialzo a 136,49. Intanto il bitcoin è crollato del 12%, sotto la soglia di 9 mila dollari (7.205 euro), per la prima volta dallo scorso novembre.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ultimo miglio con tensioni sul piano italiano per il Recovery Fund. Mentre la Confindustria denuncia...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le diplomazie italo-francesi sono al lavoro con le istituzioni e con le aziende di cui Vivendi è un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La tempesta del Covid è stata superata anche grazie alla ciambella di salvataggio del credito, ma o...

Oggi sulla stampa