Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse in recupero per i dazi

Le borse europee mettono a segno un rimbalzo dopo il forte calo di lunedì. Notizie confortanti sono arrivate da Washington: il presidente americano Donald Trump ha parlato di «colloqui molto positivi con la Cina» sui dazi, aggiungendo che «ci saranno presti annunci importanti». Intanto i riflettori erano puntati sulla Brexit dopo la decisione del premier inglese Theresa May di rimandare il voto parlamentare sull’accordo. A Milano il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,98% a 18.591 punti. Bene anche Francoforte (+1,49%), Parigi (+1,35%) e Londra (+1,27%). A New York, invece, gli indici viaggiavano poco sopra la parità.Lo spread Btp-Bund ha archiviato la seduta in lieve rialzo a 287 in attesa della riunione di domani della Bce. È quasi certo che l’istituto chiuderà il Qe a fine mese, anche se ci sono i mezzi per restare accomodanti in materia di politica monetaria, senza destabilizzare i mercati. «Cresce il focus sulla necessità di mantenere adeguati livelli di liquidità nel sistema economico nel futuro prossimo», osservano gli esperti di Anima sgr. «La Bce sta valutando un’altra asta di liquidità che consenta di smussare lo scalino che potrebbe materializzarsi a metà del 2020, creando problemi alle banche europee. Se la Bce sta proseguendo lungo un percorso di normalizzazione, al contempo intende adottare misure che possano ridurre l’effetto restrittivo sulle condizioni finanziarie, mantenendo un elevato grado di supporto al mercato e all’economia».

A Piazza Affari, fra i titoli industriali, ben comprata Prysmian (+6,15%). Su di giri anche Stm (+3,23%) e Cnh Industrial (+2,37%). Nel comparto bancario tonico Banco Bpm (+2,54%) dopo che la cordata Credito fondiario-Elliott si è aggiudicata l’esclusiva nella gara per il portafoglio di Npl da quasi 8 miliardi di euro. Per il resto hanno prevalso le vendite: Intesa Sanpaolo -0,29%, Unicredit -1%, Mediobanca -0,49%, Bper -2,12%, Mps -4,14%. Invariata Ubi, mentre Carige ha messo a segno un balzo del 5,88%.

Positiva Tim (+2,99%), mentre il saldo è stato negativo per il lusso, in seguito all’abbassamento delle stime di utile per azione di Goldman Sachs: Moncler ha ceduto lo 0,61% e S. Ferragamo l’1,50%. Sullo Star positiva Interpump (+2,41%), che ha acquisito la società spagnola Fluinox. In gran spolvero Giglio G. (+14,15%), che si appresta a dismettere le attività legate ai media tradizionali e punta a chiudere l’anno con risultati superiori rispetto al piano industriale. Ancora vendite su Ovs (-9,93%), dopo il -13,80% di lunedì, in attesa dei conti trimestrali. Su Aim Italia in luce Safe Bag (+1,01%).

Nei cambi, l’euro è terminato in calo sul dollaro a 1,1323 dopo avere raggiunto quota 1,14. Per le materie prime, quotazioni petrolifere in ripresa, con rialzi di circa un dollaro: il Brent era scambiato a 60,77 dollari e il Wti a 52,18. Poco mosso l’oro a 1.243 dollari.

Massimo Galli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il virus ci ha cambiati profondamente. Ma non è chiaro come. Quali effetti lascerà su di noi, sull...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

II lavoratori messi in ginocchio dalla crisi tornano in piazza. Ministro Orlando, qual è il piano d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora caos sulla tassazione dei compensi derivanti dai contratti decentrati. Il balletto tra tassaz...

Oggi sulla stampa