Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse, partenza debole

Avvio di settimana negativo per le borse europee, che hanno risentito ancora delle tensioni politiche fra Cina e Stati Uniti e dell’aumento dei casi di coronavirus in alcuni paesi. A livello macroeconomico, in Germania, l’indice Ifo sulla fiducia delle imprese si è attestato a 90,5 punti in luglio, in crescita da 86,2 del mese precedente e oltre il consenso degli economisti. A Milano il Ftse Mib ha ceduto lo 0,28% a 20.019 punti. Sotto la parità anche Parigi (-0,34%) e Londra (-0,31%), mentre Francoforte ha chiuso invariata. A New York il Dow Jones e il Nasdaq avanzavano rispettivamente dello 0,31 e dello 0,86%.

Il mercato obbligazionario europeo è rimasto prudente, con il rendimento del decennale tedesco sceso a -0,48%, mentre lo spread Btp-Bund si è allargato di 4 punti a 148. Secondo Oliver Rakau, capo economista di Oxford Economics, l’aumento della componente aspettative dell’Ifo, sui massimi da 20 mesi, suggerisce che il rimbalzo dell’attività in Germania continuerà a breve termine, mantenendo l’economia ben posizionata per la ripresa. Guardando però alle prospettive di lungo termine, la crescita è destinata a rallentare entro la fine dell’anno a causa della debole domanda globale. Nel frattempo i rendimenti dei governativi italiani a dieci anni rimangono saldi intorno all’1%.

A piazza Affari ben comprata Atlantia (+4,83%) dopo le indiscrezioni di mercato secondo cui Cdp entrerà nel capitale di Autostrade soltanto quando la società sarà stata scorporata da Atlantia e quotata in borsa. Su di giri anche Diasorin (+4,98%), Moncler (+2,32%) e Italgas (+2%). Pesante il comparto bancario: Bper -4,17%, Banco Bpm -3,79%, Unicredit -1,37%, Mediobanca -0,71%, Mps -4,63%, B.P.Sondrio -2,68%. Giù Tim (-5% a 0,36 euro), su cui Berenberg ha ridotto il prezzo obiettivo da 0,35 a 0,33 euro confermando il rating sell.

Tra le mid cap in luce Piaggio (+1,91%, articolo a pagina 26). Positiva anche Sogefi (+1,02%) dopo i conti, mentre è stata colpita dalle vendite Autogrill (-6,57% a 4,52 euro): Banca Akros ha abbassato la raccomandazione a reduce, con il target price che scende da 6 a 4,50 euro.

Nei cambi, l’euro ha guadagnato ancora terreno sul dollaro superando quota 1,17 a 1,1758. Per le materie prime, non si arresta la corsa dell’oro, che ha raggiunto il nuovo massimo storico di 1.944 dollari. E questo nella scia dell’indebolimento del biglietto verde, delle tensioni Usa-Cina e dei nuovi casi di coronavirus.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa