Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse, Milano positiva

Piazza Affari ha fatto meglio delle altre borse europee, chiudendo la seduta in progresso dello 0,79% a 18.889 punti. Sotto la parità Francoforte (-0,27%) e Parigi (-0,01%), mentre Londra ha guadagnato lo 0,47%. A New York il Dow Jones e il Nasdaq viaggiavano in calo rispettivamente dello 0,17 e dello 0,27%.

Lo spread fra Btp decennali e Bund tedeschi è sceso a 180.

I dati macroeconomici non hanno avuto grande influsso sui mercati. A dicembre l’indice dei prezzi alla produzione industriale nell’area euro è salito dello 0,7% su base mensile e dell’1,6% rispetto a dodici mesi prima: è l’incremento annuale più consistente da gennaio 2013. Negli Stati Uniti le nuove richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono scese di 14 mila unità a quota 246 mila: il dato è migliore del consenso degli economisti. Inoltre il costo unitario del lavoro nel quarto trimestre 2016, secondo la lettura preliminare, è aumentato dell’1,7% dal periodo precedente, meno del previsto.

A Milano, tra i bancari, Mediobanca è salita dell’1,56% e Bper dello 0,47%. Hanno prevalso le vendite, invece, su Banco Bpm (-0,15%), Intesa Sanpaolo (-0,91%), Ubi B. (-1,47%) e Unicredit (-1,65%). Ben comprata YNap (+3,68%), che a detta di un analista di una primaria casa d’affari ha effettuato un rimbalzo dopo i recenti cali. Su di giri anche Cnh I. (+5,39% a 8,61 euro): Banca Imi ha alzato il prezzo obiettivo da 7,1 a 9 euro confermando la raccomandazione hold.

Acquisti su Telecom Italia (+0,69% a 0,798 euro): Mediobanca Securities ha confermato l’azione come propria top pick, con raccomandazione outperform e target price a 1,23 euro. In rialzo frazionale Tenaris (+0,56% a 16,15 euro), con Equita sim che ha migliorato il prezzo obiettivo da 12 a 15 euro (hold). La stessa casa d’affari ha aumentato il target di Saipem (-2,75% a 0,46 euro) a 0,46 euro dagli 0,44 precedenti.

Nel resto del listino è tornata sopra la parità Safilo G. che, dopo il -7,5% di mercoledì, ha effettuato un rimbalzo (+1,02% a 6,415 euro): Kepler Cheuvreux ha tagliato la raccomandazione da hold a reduce, con il prezzo obiettivo che passa da 7,1 a 6 euro, mentre Banca Akros ha abbassato il rating a reduce con target in discesa da 8 a 5,8 euro. Denaro su Piaggio (+0,46% a 1,529 euro), con Banca Imi che ha confermato il rating add e il target price a 1,95 euro.

Nei cambi, l’euro ha chiuso in progresso sopra 1,08 dollari a 1,0809. Euro-yen in calo a 121,52, mentre la sterlina ha perso terreno sul biglietto verde a 1,2537.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere poco mosse, con il Brent a 58,84 dollari e il Wti a 53,77. Ancora ben comprato l’oro, che saliva di 10 dollari a 1.215.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa