Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse, Milano positiva

Soltanto Piazza Affari ha resistito alle vendite fra le principali borse europee: il Ftse Mib, dopo avere toccato un minimo di 19.687 punti nella prima parte della seduta, ha recuperato terreno chiudendo in leggero progresso (+ 0,17% a 19.953). Nel resto del continente Londra ha ceduto lo 0,73%, Francoforte lo 0,48% e Parigi lo 0,15%.
A New York gli indici viaggiavano poco mossi e contrastati, con il Dow Jones in calo dello 0,16% e il Nasdaq +0,18%. Lo spread fra Btp decennali e Bund tedeschi è rimasto stabile a 185.

A Piazza Affari in progresso Telecom Italia (+0,68% a 0,818 euro), che ha ricevuto altri giudizi positivi. Credit Suisse ha alzato il prezzo obiettivo da 0,90 a 1 euro confermando la raccomandazione neutral: gli analisti ritengono che la società batterà le proprie linee guida a breve termine. Su di giri Leonardo (+1,63%), che ha effettuato un rimbalzo dopo la recente flessione, S.Ferragamo (+1,29%) e Stm (+1,46%).

Tra i bancari positivi Unicredit (+1,26%), Ubi B. (+0,41%), Bper (+0,37%), Mediobanca (+0,18%) e Intesa Sanpaolo (+0,08%), mentre Banco Bpm ha ceduto l’1,17%. Lettera su Fca (-0,59%) dopo che la procura di Parigi ha aperto un’indagine in relazione a presunte manipolazioni delle emissioni dei veicoli diesel. Gli analisti non sono comunque preoccupati.

Nel resto del listino ben comprata Sogefi (+3,87% a 3,278 euro): Mediobanca Securities ha confermato la raccomandazione outperform e il target price a 3,3 euro dopo che il gruppo ha annunciato l’avvio di un progetto per un nuovo stabilimento in Marocco. Denaro su Hera (+2,14%), che ha ricevuto giudizi positivi sui risultati 2016. In discesa Mondadori (-0,88% a 1,695 euro), su cui Icbpi ha abbassato la raccomandazione a neutral con obiettivo che resta a 1,8 euro. Gli analisti hanno tagliato il rating alla luce del rally del titolo, che da inizio anno ha guadagnato il 48%. Prese di profitto per M.Brambilla (-6,45%) dopo il +36% messo a segno martedì.

Nei cambi, chiusura in lieve calo per l’euro sul dollaro, ma sempre sopra 1,08 dopo avere toccato martedì i massimi da sei settimane: la moneta unica è stata scambiata a 1,0805 sul biglietto verde e a 120,01 yen.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere in calo, con il Brent a 50,33 dollari (-63 centesimi) e il Wti a 47,72 (-52 cent). Le scorte settimanali negli Stati Uniti sono cresciute di 5 milioni di barili a 533,1 mln. Il risultato è superiore alle stime degli analisti che si attendevano un incremento di 2,8 milioni.

Ancora acquisti sull’oro, che guadagnava 2,50 dollari a 1.250.

Giacomo Berbenni

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un anno dopo aver scosso Wall Street mettendo le politiche a tutela dell’ambiente al centro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proprio nel giorno delle dimissioni del governo Conte dagli ambienti finanziari trapela con determin...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il Cr7 dei banchieri ha vinto, come nelle previsioni, la corsa per la poltrona più alta d...

Oggi sulla stampa