Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse su, Milano debole

Giornata di acquisti per le borse europee, anche se Milano è stata frenata dall’incertezza per l’esito delle elezioni politiche di domenica prossima. Intanto il presidente della Bce, Mario Draghi, in un’audizione al parlamento europeo ha affermato che, sebbene la crescita economica dell’Eurozona prosegua a un ritmo superiore rispetto alle stime, l’inflazione troppo debole richiede ancora pazienza, nonché il mantenimento di una politica monetaria accomodante.

A Milano il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,15% a 22.706 punti.

Più vivaci gli altri listini: Londra +0,62%, Parigi +0,51%, Francoforte +0,35%. A New York il Dow Jones e il Nasdaq viaggiavano in rialzo rispettivamente dell’1,37 e dello 0,90%. Lo spread Btp-Bund è sceso di oltre quattro punti a 136. Secondo gli analisti di Danske Bank, l’incertezza politica italiana non ha influito più di tanto sui titoli di stato e, quindi, non dovrebbero esserci troppi problemi nelle odierne aste del Tesoro.

A Piazza Affari in luce Recordati (+2,89% a 29,9 euro), che a detta di un esperto ha effettuato un rimbalzo dopo la recente discesa. Bene anche Moncler (+0,96%) dopo i conti 2017. Telecom Italia ha guadagnato lo 0,82% a 0,738 euro, con gli analisti che restano positivi in vista della presentazione del nuovo piano industriale: Banca Imi ha confermato la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 1,11 euro. In lieve progresso Ferrari (+0,29% a 104,8 euro), su cui Ubs ha alzato il target price da 129 a 160 dollari.

Poco mossi e contrastati i principali titoli bancari: sopra la parità Mediobanca (+0,20%), Intesa Sanpaolo (+0,06%) e Bper (+0,02%), mentre hanno perso terreno Banco Bpm (-0,19%), Unicredit (-0,24%) e Ubi B. (-1,35%). Tonica, invece, Banca Carige (+6,17%).

Nel resto del listino in gran spolvero Maire T. (+8,22% a 4,03 euro), che ha beneficiato della promozione di Barclays a overweight, con l’obiettivo che però scende da 5,7 a 5,5 euro. Su di giri anche Geox (+7,61%) dopo i commenti positivi degli analisti ai risultati 2017. Piaggio (+2,55% a 2,336 euro) ha incassato un aumento di target da 2 a 2,2 euro (neutral) da Mediobanca Securities.

Nei cambi, l’euro è terminato sotto 1,23 dollari a 1,2293, mentre i mercati guardano alle prime audizioni davanti al Congresso del neo presidente della Fed, Jerome Powell, che parlerà oggi e domani al Senato e alla Camera.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere in rialzo, con il Brent a 67,55 dollari (+24 centesimi) e il Wti a 63,97 dollari (+42 cent).

Massimo Galli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non è stata una valanga di adesioni, ma c’è tempo fino a domani per consegnare le azioni Creval ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un altro passo avanti su Open Fiber, la rete oggi controllata alla pari 50% da Cdp e Enel, per accel...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il «passaggio di luglio» con la fine del blocco dei licenziamenti per le imprese dotate di ammorti...

Oggi sulla stampa