Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse in trincea: è fuga dal rischio

di Morya Longo

Sarà per il nome che ricorda il mitologico vaso da cui uscirono tutti i mali del mondo, ma Pandora – società danese di gioielleria – ieri ha dimostrato quali mali affliggano i mercati finanziari: la società è crollata in Borsa del 65% perché ha ridimensionato le previsioni sugli utili del 2011 e ha annunciato l'addio del suo numero uno. Ecco cosa affligge i mercati finanziari: la paura che il rallentamento economico in atto negli Usa e in Europa vada a ridurre gli utili aziendali (come successo a Pandora e al 51% delle aziende che fino a oggi hanno comunicato i conti semestrali nel Vecchio continente) e a rendere insostenibile la gestione dei giganteschi debiti degli Stati (a partire da quello italiano). La paura, insomma, è che prima l'America e poi il mondo intero precipitino in quello che gli analisti chiamano «double dip»: doppia caduta dell'economia. Una nuova recessione o stagnazione.

È questo che anche ieri ha assestato colpi duri alle Borse europee, che hanno bruciato 100 miliardi: Londra ha perso lo 0,97%, Parigi l'1,82%, Francoforte il 2,26% e Milano – la peggiore in Europa – il 2,53%. A Wall Street non è andata molto meglio: con un ribasso del 2,56%, ha registrato la peggiore serie di cali dai tempi del crack di Lehman. Per contro, gli acquisti si sono concentrati su quelli che appaiono come "porti sicuri". Innanzitutto sui Bund tedeschi: i loro rendimenti decennali sono addirittura scesi al 2,37%, andando sotto il tasso d'inflazione per la prima volta – calcola Radiocor – dal 1990. Poi sui T-Bond, cioé sui titoli di Stato americani: nonostante il rischio di un declassamento del rating, gli acquisti sono stati così forti che il rendimento è sceso di 13 centesimi al 2,62%. Infine sull'oro, salito sopra 1.645 dollari.

Il motivo è chiaro. Ai problemi che affliggono Europa e Usa da tempo (debito pubblico troppo elevato, deficit eccessivi), alle preoccupazioni attuali (la crisi politica in Spagna, l'incertezza sui tempi con cui il fondo europeo salva-Stati acquisirà i nuovi poteri) si aggiunge una croce nuova: il rallentamento dell'economia. Ieri il via alle preoccupazioni l'hanno dato alcuni nuovi indicatori americani: la spesa per i consumi è diminuita dello 0,2%, registrando il primo calo da due anni a questa parte, e i redditi delle famiglie sono aumentati al ritmo più lento da novembre. Tutti sanno che l'unica medicina per curare la malattia dell'eccesso di debito è la crescita economica: la stagnazione, o la recessione, rappresenterebbe dunque il colpo finale. Ecco perché il mercato è in tensione.

Questi timori si sono scaricati, come sempre, sugli anelli ritenuti più deboli della catena dei mercati. L'Italia, con il suo maxi-debito pubblico, è purtroppo tra le prime della lista: lo spread tra i BTp e i Bund è salito al record di 388 punti base, le banche sono crollate in Borsa più delle concorrenti estere (contro il -0,7% medio europeo Intesa Sanpaolo ha perso il 5,24%, UniCredit il 5,77% e Mps il 3,28%) e Piazza Affari è stata ancora la peggiore d'Europa.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il progetto di fusione tra Fiat-Chrysler (Fca) e Peugeot-Citroën (Psa) si appresta a superare uno d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Davanti alle piazze infiammate dal rancore e dalla paura, davanti al Paese che non ha capito la ragi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Erogazioni in crescita l’anno prossimo per Compagnia di San Paolo, nonostante lo stop alla distrib...

Oggi sulla stampa