Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse giù, poi risalgono

Chiusura sopra la parità per le borse europee, tranne quella tedesca. I listini, dopo una falsa partenza dovuta allo scivolone di Wall Street e dell’Asia avvenuto martedì, hanno trovato la forza di rimbalzare. A Milano il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,55% a 22.331 punti, mentre in mattinata era sceso sotto quota 22 mila toccando un minimo di giornata a 21.918. In primo piano restano le tensioni sui dazi doganali. Nel resto del continente hanno guadagnato terreno Londra (+0,64%) e Parigi (+0,29%), mentre si è mossa in controtendenza Francoforte (-0,25%). Lo spread Btp-Bund è sceso di tre punti a 134.A livello macroeconomico la crescita del pil Usa, nella lettura finale del quarto trimestre, è stata rivista al rialzo da +2,5 a +2,9%: il dato ha battuto il consenso degli economisti. Intanto il tasso dei Treasury, i titoli del debito pubblico americano con scadenza decennale, è salito ai massimi da sette settimane al 2,769%: la causa va ricercata nella forte discesa dei titoli tecnologici di martedì al Nasdaq e nella debole domanda alle due aste di ieri del debito pubblico a stelle e strisce.

A Piazza Affari il comparto delle utility è stato premiato dagli acquisti: Terna +4,77%, Snam +4,66%, Enel +3,71%, A2A +2,41%, Italgas +1,75%. Bene i titoli bancari: Unicredit ha chiuso in progresso dell’1,29%, Intesa Sanpaolo dello 0,91%, Ubi B. dello 0,73%, Mediobanca dello 0,48%, Banco Bpm dello 0,23%. Segno negativo, invece, per Bper (-0,53%) e soprattutto per Mps (-2,32%), vittima di un lungo andamento ribassista.

Denaro su Telecom Italia (+0,74%), con le azioni di risparmio che hanno messo a segno un +1,42% a 0,67 euro. Bernstein ritiene che la conversione delle risparmio in ordinarie sia la mossa giusta: garantirebbe benefici a tutti gli azionisti tranne Vivendi. Pesante Stm (-5,32%), che ha pagato i forti ribassi dei tecnologici Usa.

Nel resto del listino in gran spolvero Igd (+9,63% a 7,978 euro), su cui Société Générale ha alzato la raccomandazione a buy, con il prezzo obiettivo che passa da 11,10 a 11 euro. In caduta libera Fincantieri (-14,49% a 1,216 euro). A catalizzare le vendite è stato il giudizio di Kepler Cheuvreux, che ha ridotto la raccomandazione da buy a hold, con target price a 1,45 euro: per gli analisti i numeri del piano industriale sono in linea con le attese, tranne l’utile per azione più basso delle previsioni.

Nei cambi, l’euro ha chiuso sotto 1,24 dollari a 1,2357. Per le materie prime, petrolio in discesa, con il Brent a 69,70 dollari (-42 centesimi) e il Wti a 64,51 (-74 cent). Giù l’oro, che cedeva 15 dollari a 1.330.

Massimo Galli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fininvest esce da Mediobanca dopo 13 anni, e con l’aiuto di Unicredit vende il suo 2% ai blocchi: ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una nuova tassa sulle multinazionali, quelle digitali e anche quelle tradizionali. Pagamento delle i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La prossima settimana il Consiglio dei ministri varerà due decreti. In uno ci saranno la governance...

Oggi sulla stampa