Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borse, acquisti a Milano

È stata un’altra giornata in ordine sparso per le borse europee, con Piazza Affari in territorio positivo: il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,24% a 23.046 punti. Bene anche Londra (+0,90%), mentre hanno registrato lievi ribassi Francoforte (-0,18%) e Parigi (-0,07%). A New York gli indici viaggiavano a due velocità, con il Dow Jones in progresso dello 0,12% e il Nasdaq -0,17%. Stabile lo spread Btp-Bund a 143.

La Banca d’Inghilterra ha deciso, per la prima volta da dieci anni, di alzare i tassi di interesse di un quarto di punto dallo 0,25 allo 0,50%. Restano invariati il programma di allentamento quantitativo a 435 miliardi di sterline e gli acquisti di corporate bond fino a 10 mld.

I dati macroeconomici non hanno avuto grande influsso sui mercati. In particolare, l’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona ha raggiunto in ottobre il massimo da sei anni e mezzo a 58,5 punti. Negli Stati Uniti le nuove richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono diminuite di 5 mila unità a quota 229 mila, al di sotto delle 235 mila attese dal consenso degli economisti.

A Milano in gran spolvero Tenaris (+9,72%, si veda articolo a pagina 23). Fra i titoli oil&gas in rialzo anche Saipem (+1,11%) ed Eni (+0,56%). Ben comprata Telecom Italia (+1,60%): il mercato, da un lato, continua a monitorare attentamente le notizie relative allo spin-off della rete, e dall’altro inizia a scommettere sulla trimestrale.

Nel comparto bancario hanno prevalso gli acquisti su Bper (+3,64%), Unicredit (+1,82%), Banco Bpm (+1,47%), Mediobanca (+1,05%) e Ubi B. (+0,88%), mentre hanno perso terreno Intesa Sanpaolo (-0,42%) e B.Mps (-0,47%). Negative Campari (-1,77%) e B.Unicem (-1,73%).

Nel resto del listino, tra le mid cap, in evidenza Igd (+4,82%): il settore real estate sta andando bene, grazie all’estensione dei Pir alle società immobiliari. Fincantieri (-2,45%) ha invece pagato prese di profitto dopo l’ottima performance recente. I migliori titoli in assoluto sono stati Molmed (+11,26%), Tenaris (+9,72%), Imvest (+8,41%) e Axelero (+8,23%).

Nei cambi, l’euro ha chiuso in rialzo sopra 1,16 dollari a 1,1676. Il cambio con lo yen è stato fissato a 132,89. Dollaro-yen in calo a 113,80 dopo essere salito mercoledì sopra 114.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere poco mosse, con il Brent a 60,38 dollari e il Wti a 54,28. Invariato anche l’oro a 1.276 dollari.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa