Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

In borsa torna la fiducia

Borse in recupero dopo la battuta d’arresto di venerdì scorso, con Piazza Affari miglior listino d’Europa. Il Ftse Mib ha guadagnato l’1,69% a 19.447 punti, seguito da Francoforte (+1,18%), Londra (+1,08%) e Parigi (+0,73%). A New York il Dow Jones e il Nasdaq avanzavano rispettivamente dell’1,86 e dell’1,06%.

I rendimenti dei titoli di stato dell’Eurozona sono rimasti stabili, con il decennale tedesco a -0,47% e lo spread Btp-Bund poco mosso a 177. JPMorgan ritiene che il valore del governativo tedesco dovrebbe essere in area -0,45%-0,40% per essere equilibrato, e si aspetta che il tasso reale tratti a questi livelli nelle prossime settimane. Questo intervallo di negoziazione è definito da liquidità, volatilità e considerazioni di propensione al rischio, e il rendimento attuale è «leggermente costoso».

Intanto sul mercato rimane la prudenza per l’aumento dei casi di coronavirus negli Stati Uniti. «Non solo i piani di riapertura si sono arenati nei nuovi hotspot come Texas e Florida, ma c’è anche un impatto sui viaggi internazionali, poiché i casi quotidiani di virus hanno superato quello che tutti speravano fosse il picco di aprile», commenta Julian Emanuel, strategist di Btig.

A Milano gli acquisti hanno premiato il settore bancario dopo le perdite di venerdì: Banco Bpm +5,99%, Bper +4,88%, Mediobanca +4,45%, Unicredit +4,43%, Ubi +2,63, Intesa Sanpaolo +2,53%, Mps +3,19%, B.P.Sondrio +3,07%. Ben comprata anche Nexi (+3,45%), sostenuta dall’entrata in vigore dal 1° luglio di due misure per incentivare l’uso dei pagamenti digitali in Italia.

In rialzo gli industriali, tra cui Cnh I. (+3,52%), Leonardo (+2,32%), Fiat Chrysler (+2,24%), Buzzi Unicem (+2,07%), Pirelli (+1,89%) e Prysmian (+1,17%), quest’ultima dopo le nuove commesse in Germania (articolo a pagina 27). L’aumento dei prezzi petroliferi, con il Wti a 38,75 dollari, ha avvantaggiato i titoli oil, con Eni (+2,72%), Tenaris (+1,11%) e Saipem (+1,96%).

Tra le mid cap, in gran spolvero Cattolica (+7,93%) dopo che l’assemblea ha dato via libera all’aumento di capitale da 500 milioni. Seguono Ovs (+5,61%), Maire T. (+3,86%) e Credem (+3,59%). Ha strappato al rialzo Trevi Fin. (+9,76%) dopo le parole di Donato Iacovone, presidente di Webuild (+1,65%), secondo cui il gruppo Trevi potrebbe essere coinvolto nel consolidamento del settore costruzioni.

Nei cambi, l’euro è terminato in progresso sul dollaro intorno a 1,1240.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

BERLINO — Non solo due tedesche, non solo due donne, ma "due europeiste convinte". La conferenza s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

BRUXELLES — Con la telefonata ad Emmanuel Macron, ieri pomeriggio Charles Michel ha concluso il pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il gruppo BancoBpm prova a cedere i crediti del gruppo Statuto. Secondo indiscrezioni, l’i...

Oggi sulla stampa