Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borsa, il risveglio dei fondi attivisti Ora puntano anche alle banche

Un altro colpo dei fondi attivisti: fanno saltare l’operazione del gruppo Caltagirone per togliere Caltagirone editore da Piazza Affari. L’Opa della holding romana col 71% era condizionata a raggiungere il 90% del capitale: ma il prezzo era basso, e malgrado un ritocco ha aderito appena lo 0,077%. Così è «priva di efficacia».
Un’affermazione per il fondo Amber che era salito quasi al 10% della società, ed è tra i pochi che in Italia investono per bloccare operazioni ritenute poco amiche del mercato (anche delle minoranze silenziose quindi), o per suggerire nuove strategie ai manager poco attenti ai piccoli soci. Negli Usa la nicchia dei guastafeste è affollata, con platee di recente assiepate dentro Ge, General Motors, Procter & Gamble. Ma nessun nome è troppo grande per gli “attivisti”, che là cercano di ingaggiare un mercato di soci immenso, con azioni di comunicazione che ormai usano Facebook e LinkedIn.
In Europa la tendenza è in crescita, sia perché meno battuta sia per i prezzi meno esosi delle azioni. In Italia è una pratica per un pugno di nomi tra Amber, Elliott, Liverpool, Litespeed, Gamco. Il perché sta nella peculiare cornice politico-normativa e nei tempi biblici della giustizia, tanto che il Global financial centres index 2017 sulle piazze migliori mette Londra davanti a New York, mentre Milano è solo al cinquantaquattresimo posto e Roma al settantaquattresimo. Comunque l’Italia nel primo semestre ha avuto i suoi dossier: oltre a Caltagirone editore la contesa dei fondi con i francesi di Parmalat e con i giapponesi di Ansaldo Sts. Vi è chi include tra gli “attivisti” anche Vincent Bolloré, che con i suoi blitz su Telecom e soprattutto Mediaset (dove ha rastrellato la minoranza di blocco, poi congelata da Agcom) spesso usa modi da assaltatore.
Comunque non un gran bottino, se si pensa che tra gennaio e giugno 55 società quotate in Europa sono state oggetto di attivismo. Nei dati di Morrow Sodali, leader nella consulenza alle difese che lavora per migliorare i punti deboli delle quotate, i paesi più battuti sono Svezia e Gran Bretagna, con 14 e con 22 casi, specie nel settore finanza. La motivazione è agli opposti: in Svezia la proprietà è molto concentrata così talora c’è la tentazione di schiacciare i diritti delle minoranze; nella City la proprietà è tanto diffusa che con pochi titoli si può incidere su gestione e governance.
Il capitalismo italiano negli ultimi anni ha perso peso al punto da esporsi agli strali degli attivisti. Le aziende del Ftse Mib hanno soci di controllo con un 36,2% medio delle quote, dal 44,4% del 2012: e poiché in assemblea ci va sempre il 66% medio, in molti casi non c’è più una maggioranza. Tuttavia, se la critica ai compensi dei capi è frequente (un terzo dei soci di minoranza in media vota no), finora a Piazza Affari solo il lancio di ardite operazioni fa arrivare i guastatori. Con qualche esito, guardando gli ultimi dossier. I francesi di Parmalat hanno dovuto pagare più cara la “loro” Lag, e dopo iniziali schermaglie Consob ha ricusato alcuni amministratori poco indipendenti e rimosso il collegio sindacale; inoltre il delisting di Parmalat non è riuscito per il basso prezzo offerto. Neanche Ansaldo Sts, che Leonardo ha ceduto a Hitachi su un doppio binario con la meno ambita Breda (Consob ha eccepito e pende un ricorso al Tar) è riuscita a sbatter fuori gli attivisti dal capitale, malgrado il ritocco dell’Opa chiesto da Consob.
Prossima fermata dei guastafeste, le banche. Che a furia di ricapitalizzare hanno padroni dispersi, e con la riforma delle popolari hanno perso i diritti speciali tipo “una testa, un voto”. Il fondo Amber, da un anno primo socio di Popolare di Sondrio con il 5,39%, a luglio ha depositato atti di intervento presso la Consulta e il Consiglio di Stato, in opposizione a quelli dei soci storici (in parte accolti) che lo scorso dicembre fecero sospendere la trasformazione in spa. Solo a gennaio le alte corti si esprimeranno; frattanto Amber avvisa che farà valere i suoi diritti di investitore.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa