Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Borsa nervosa, lo spread si allarga a 500 punti

di Stefania Tamburello

ROMA — Prima la schiarita poi di nuovo le nuvole: i mercati reagiscono così alle attese, e alle difficoltà, del nuovo governo a guida Mario Monti. L'aria di tempesta, quella che si è abbattuta sull'Italia mercoledì scorso prima dell'annuncio delle dimissioni dell'esecutivo di Silvio Berlusconi, è rimasta comunque lontana. I rendimenti dei Btp decennali che in mattinata erano calati fino a 6,3%, sono risaliti in chiusura al 6,7% e lo spread con i Bund tedeschi di uguale durata che si era ristretto fino a 446 punti base è tornato ad ampliarsi fino a sfiorare i 500 punti, chiudendo a 492. Piazza Affari ne ha risentito e dopo un avvio in rialzo è arretrata anche a causa dei dati negativi della produzione industriale diffusi da Eurostat per poi chiudere in perdita dell'1,99%. In negativo anche tutte le altre piazze europee appesantite dal prolungarsi delle crisi dei debiti sovrani e dalla inefficacia delle cure di Bruxelles: Parigi cede l'1,28%, Francoforte l'1,19, Londra lo 0,47% e Madrid il 2,15%.
Sull'andamento della giornata ha influito anche il risultato dell'asta dei Btp a 5 anni, offerti nell'importo massimo previsto di 3 miliardi: una quantità comunque limitata che è stata tutta assegnata senza problemi ma a tassi in forte salita. Il rendimento lordo a 6,29% è di quasi un punto superiore a quello di un mese fa ed è la punta più alta da 14 anni a questa parte. Eppure il risultato non è stato considerato troppo preoccupante dagli esperti. Perché i rendimenti — come spiegano fonti della Banca d'Italia che cura per il Tesoro le aste dei titoli pubblici — anche se alti sono stati pur sempre inferiori a quelli espressi dal mercato secondario immediatamente prima del collocamento, oltre che molto più bassi di quelli, massimi (7,50%), registrati alla chiusura del mercoledì supernero. Ulteriore fatto positivo, fanno ancora sapere gli esperti di Palazzo Koch, è che, pure in condizioni di mercato particolarmente difficili, una quota elevata del collocamento sia stata aggiudicata a specialisti esteri. Durante la mattinata gli operatori hanno segnalato l'intervento su Italia e Spagna della Bce, che comunque la scorsa settimana ha ridotto gli acquisti di titoli dell'eurozona a 4,48 dai 9,5 miliardi della settimana precedente. E il presidente della Bundesbank Jens Weidmann ha rimarcato che tali misure «devono giungere al termine». La temporaneità del programma di acquisti dei titoli dei Paesi in difficoltà è un dato acquisito all'Eurotower, non è una novità, lo ha detto più volte anche il suo presidente Mario Draghi, ma ieri sono tornati a ribadirlo in tre, fuori e dentro la Banca. Weidmann, il banchiere centrale olandese Klaas Knot (il sostegno della Bce all'Italia «è temporaneo e soggetto a condizioni») e il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schäuble secondo il quale il finanziamento del debito pubblico dei Paesi in difficoltà attraverso la banca centrale europea non ione del governo proprio guardando a Borsa e Btp. «Sono sicuro — ha detto ieri — che i mercati avranno pazienza temperata con la razionalità».
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa