Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Boom di prestiti fintech per le Pmi: nel primo trimestre volumi triplicati

La finanza alternativa non solo supera lo scoglio Covid, ma appare in grado di rilanciarsi con la pandemia grazie a uno dei suoi aspetti più particolari che la differenzia dai canali tradizionali, quello di sfoderare la tecnologia come arma vincente negli aspetti procedurali legati ai finanziamenti per le Pmi. A dimostrarlo è l’incremento esponenziale dei prestiti e dei bond intermediati dai soci di ItaliaFintech, l’associazione che riunisce le più innovative aziende del fintech operanti nel nostro Paese.

I dati, che riflettono una buona fetta del panorama nazionale della finanza alternativa e che Il Sole 24 Ore è in grado di anticipare, mostrano infatti nel primo trimestre 2021 un ammontare delle operazioni quasi triplicato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, da circa 230 milioni di euro a oltre 637 milioni, con un incremento appunto del 177,6 per cento. E a moltiplicarsi quasi per tre, elemento forse ancora più rilevante, è stato il numero delle imprese finanziate, essenzialmente di piccola e media dimensione, cresciuto nello stesso lasso di tempo da 676 a 1795 unità.

Ma se il confronto con primo trimestre 2020, quello in cui il virus si è effettivamente diffuso in Italia, può apparire fuorviante, vale anche la pena ricordare come i finanziamenti fintech abbiano più che quadruplicato la loro portata nell’intero scorso anno (+350% nel periodo, quando la crescita dei prestiti bancari a società non finanziarie è stata invece appena dell’8%) e si apprestino quindi a ripetere l’exploit nel 2021. Non è infatti certo un caso che l’esplosione dei canali alternativi – che abbracciano fra l’altro strumenti come minibond, crowdfundingdirect landinginvoice trading, ma anche prestiti personali – sia legata a doppio filo con le problematiche sollevate da Covid. «L’utilizzo della tecnologia per avvicinare servizi finanziari a famiglie e imprese è stato particolarmente apprezzato in questa fase particolare della nostra storia caratterizzata dal senso di urgenza e dalla necessità di avere risposte chiare e rapide», sottolinea infatti Andrea Crovetto, presidente di ItaliaFintech e a.d. di Epic Sim (prossima all’ingresso nel gruppo Azimut).

Il suo riferimento non va in questo caso tanto alle piattaforme che mettono in relazione i clienti con chi eroga credito o altri servizi finanziari, di sicuro l’elemento più visibile del fenomeno fintech, quanto «agli aspetti più legati alla metodologia e all’analisi del merito di credito o alla gestione dei protocolli legati ai flussi di raccolta della documentazione necessaria a ottenere i prestiti». È infatti in questi ambiti che nel processo di digitalizzazione in corso i nuovi operatori possono sfruttare il proprio vantaggio competitivo «in uno spirito di collaborazione con il sistema bancario – chiarisce però Crovetto – perché la narrativa dell’antagonismo non giova a nessuno: attori tradizionali e fintech giocano e vincono assieme».

E se è fuori di dubbio che la fase di emergenza, che trova la principale testimonianza nel sistema di garanzie senza precedenti messo in piedi dal governo italiano a sostegno delle Pmi, abbia giocato a favore dei finanziamenti fintech «perché quando le procedure diventano più complesse, chi è in grado di gestire i processi in modo automatizzato è avvantaggiato», non è altrettanto vero che il termine della pandemia possa al contrario frenare nuovamente lo sviluppo dei canali alternativi. «Ormai si è rotto il ghiaccio, le imprese hanno imparato a conoscere e apprezzare i vantaggi garantiti dalle offerte digitali e non è possibile tornare indietro», nota Crovetto.

Nel processo di sviluppo futuro anche i temi regolamentari giocano un ruolo rilevante. «Le norme sono comunitarie – spiega Crovetto – ma a prevalere saranno i Paesi che riusciranno a mettere in pratica nel modo più opportuno le direttive europee e saranno per questo capaci di attirare investitori e imprese all’interno dei propri confini». Di margini per riallinearsi al resto d’Europa, e per andare poi a caccia di spazi ulteriori, ce ne sono del resto a sufficienza nel mondo dei servizi finanziari alternativi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un balzo in avanti. In parte previsto, ma che comunque apre una prospettiva diversa rispetto al pess...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Decontribuzione dal 50 al 100% per i lavoratori che usciranno dalla cassa integrazione del settore t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dica la verità, senatrice Bongiorno, ma la Lega vuole davvero i fondi del Recovery che sono legati ...

Oggi sulla stampa