Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Boom di emissioni in Europa: venduti bond per 4,4 miliardi

Non c’è solo Telecom Italia ad andare a raccogliere fondi sul mercato obbligazionario. Ieri in tutta Europa le società hanno raccolto almeno 4,4 miliardi di euro di capitali. Oltre al colosso telefonico italiano, c’è anche l’omologo francese France Telecom o i colossi tedeschi Deutsche Bahn e Volkswagen. Di fatto, per il settore non finanziario, è stata la giornata più densa di collocamenti dall’inizio dell’anno in Europa.
Le società hanno approfittato di una buona finestra temporale piazzando titoli nella prima giornata di mercato dopo il piano di aiuti alle banche spagnole. Una coincidenza che ha avuto effetti positivi sul collocamento. France Telecom in particolare ha registrato una domanda molto solida pari a 5 miliardi di euro collocando un miliardo di euro di titoli decennali con cedola al 3 per cento strappando un rendimento pari a 122 punti base sopra il tasso Mid Swap. L’operazione è stata gestita da un pool di banche che comprende Credit Agricole, Mitsubishi UFJ Securities International, Rbs e Societe Generale.
Tra le francesi si sono presentate sul mercato anche la catena di alberghi Accor, con la sua prima emissione dal 2009 a questa parte, Michelin Luxembourg (controllata lussemburghese del colosso di pneumatici) e la multi utility Suez Environnement. In questo caso la società ha fatto un riacquisto di titoli propri in scadenza al 2014 per 250 milioni di euro. Questi bond sono stati di fatto trasformati in titoli decennali con cedola al 4,125 prezzo. Il prezzo è in linea con il rating A3 assegnato alla società da Moody’s ed è pari a 115 punti base sul tasso mid swap.
Sul mercato sono andate anche due importanti società tedesche: Deutsche Bahn e Volkswagen Leasing. La società in mano pubblica che gestisce le ferrovie tedesche ha collocato un titolo decennale in sterline britanniche (valuta molto utilizzata per il finanziamento delle infrastrutture). In questo caso la società punta a raccogliere una cifra tra i 300 e i 500 milioni di sterline. Nel caso di Volkswagen leasing (controllata della casa automobilistica di Wolfsburg) la cifra raccolta per un titolo a scadenza 2015 è stata un milione di euro su ordini pari al doppio della cifra. «La buona domanda registrata in questi collocamenti – spiega un addetto ai lavori – spiega che il mercato dei bond corporate è in salute».
Una tornata di emissioni societarie si annuncia anche negli Stati Uniti. Il provider internet Zayo Group punta a raccogliere 1,25 miliardi di dollari per finanziare l’acquisizione di AboveNet. Il colosso delle telecomunicazioni AT&T ha in programma un emissione a cinque anni mentre il canale televisivo Cbs Corp punta a raccogliere 900 milioni di dollari in titoli a 5 e 30 anni per rifinanziare un debito in scadenza ad agosto.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa