Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bonus fiscale per crediti insoluti Sostegno alla filiera alimentare

Roma – Stop alle tasse sui canoni di locazione degli esercizi commerciali non riscossi e possibilità di trasformare in crediti d’imposta le Dta, ossia le attività per imposte anticipate iscritte in bilancio. Congelamento di un mese di tutti i versamenti pubblici e privati. Sono solo alcune delle ultime caselle del complicato mosaico cui stanno lavorando i tecnici del Mef per la messa a punto del nuovo decreto legge che stanzia 12 miliardi di euro per famiglie, lavoratori, autonomi e imprese. Almeno quattro le linee di intervento con la priorità al potenziamento del servizio sanitario con le assunzioni di medici e infermieri, nonché la possibilità di poter requisire strutture e presidi sanitari. C’è poi il sostegno al reddito con l’estensione della cassa integrazione per tutti i settori e in tutta Italia. Il supporto alle famiglie con l’erogazione di congedi speciali per i genitori che hanno i figli a casa da scuola, e aiuti specifici per gli autonomi e per i lavoratori stagionali (si veda il servizio in pagina). Il sostegno alle famiglie passa anche attraverso la sospensione dei mutui, solo a richiesta e per quei cittadini che hanno subito un danno occupazionale o non sono in grado per la crisi di onorare le rate. Un capitolo importante del decreto riguarderà la liquidità delle imprese, per evitare che vengano travolte dal blocco delle attività a causa dell’epidemia. In arrivo anche uno stanziamento di 600 milioni per il settore agricolo che in questa emergenza sarà chiamato a garantire il pieno funzionamento della filiera alimentare, dalla produzione alla distribuzione.

Crediti insoluti

Tra le ultime novità allo studio sul fronte degli aiuti alle imprese spunta la possibilità di trasformare in crediti d’imposta le cosiddette Dta (Deferred tax asset) iscritte in bilancio da tutto il sistema produttivo, finanziario e non. Un intervento che, come ha spiegato ieri in audizione lo stesso ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, avrebbe come obiettivo dichiarato quello di non «creare situazione di tensione sulla liquidità e di crediti deteriorati». Obiettivo che per il ministro «si può raggiungere in vari modi, non necessariamente con la sospensione delle regole prudenziali». L’idea su cui si starebbe lavorando aprirebbe la strada a una trasformazione in crediti d’imposta delle Dta (perdite, eccedenze Ace ecc.) vincolandola ai crediti insoluti. Oggi questa operazione in base al decreto legge n. 34 del 2019 è possibile solo per le aggregazioni di imprese e società. Sulla base delle risorse sarà definita la percentuale di crediti insoluti ammessi all’operazione.

La norma sarà inserita nel pacchetto di interventi che punta a introdurre un sistema di garanzie del valore di oltre un miliardo da affidare al Fondo di garanzia per le Pmi gestito dal Mediocredito centrale. Sistema che punta ad ampliare la portata dell’intervento del sistema bancario per la moratoria sui prestiti alle Pmi e sui mutui per l’acquisto della prima casa.

Sospensione dei pagamenti

Per la sospensione di tributi e contributi l’idea che si starebbe facendo strada è quella di congelare per almeno un mese tutte le scadenze sia pubbliche che private, quindi dai tributi alle scadenze contrattuali come atti notarili o affitti. Il nodo da sciogliere resta sempre il perimetro di intervento ossia se limitarlo alle sole filiere maggiormente colpite dall’emergenza Covid-19 (turismo, fiere, terme, cultura, spettacolo, sport e trasporti) o a tutti i soggetti che hanno subito un significativo calo del fatturato (del 25% ad esempio). Proprio oggi il Mef avrà disponibili, in questo senso, i dati della fatturazione elettronica del mese di febbraio da poter utilizzare per confrontare l’andamento dei fatturati dei primi due mesi del 2019 con i primi due mesi 2020 vissuti dalle imprese italiane in piena emergenza. Tra le sospensioni richieste da imprese e professionisti anche quella degli atti emessi dalle Entrate e dall’agente della riscossione, così come i versamenti dei tributi legati al gioco, al centro della serrata disposta dal Governo, come quello del Preu che ogni mese prevede 4 appuntamenti alla cassa.

Affitti non riscossi

L’altra novità annunciata ieri da Gualtieri è l’esclusione dalla tassazione dei canoni di locazione degli esercizi commerciali. Si punta in sostanza ad evitare che i proprietari dei locali commerciali subiscano le conseguenze del mancato pagamento dei canoni, in questo periodo di crisi, da parte degli esercenti. Per Confedilizia l’intervento minimo sarebbe quello di eliminare l’assurda regola della tassazione Irpef/Ires dei canoni non percepiti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la gara per la conquista di Cedacri, società specializzata nel software per le banch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Monte dei Paschi di Siena ha avviato ieri un collocamento rapido di azioni, pari al 2,1% del capi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il giorno dopo il lancio dell’Opa da parte di Crédit Agricole Italia, il Creval valuta le possibi...

Oggi sulla stampa