Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bonus affitti al 6 ottobre

Slitta al 6 ottobre il termine ultimo per richiedere il contributo a fondo perduto spettante ai locatori che riducono gli affitti ai propri inquilini.

Con la proroga ci sarà più tempo anche per sostituire domande in precedenza inviate e per indicare dati delle rinegoziazioni programmate.

Questi sono gli effetti del provvedimento dell’agenzia delle entrate n. 227358/2021, pubblicato lo scorso 4 settembre, che differisce il precedente termine fissato per ieri, 6 settembre 2021, per l’invio delle istanze per il riconoscimento del contributo a fondo perduto ex articolo 9-quater del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137 (convertito in legge n.176/2020). Si tratta del ristoro concesso ai locatori che riducono ai propri inquilini di immobili abitativi i canoni d’affitto relativi alle mensilità del 2021. Il contributo è un importo pari al 50% dell’ammontare complessivo delle rinegoziazioni in diminuzione e spetta per un ammontare massimo di 1.200 euro a locatore. Le condizioni per l’ottenimento sono che la locazione abbia una decorrenza non successiva al 29 ottobre 2020 (che risulti in essere alla predetta data) e che la rinegoziazione abbia invece una decorrenza pari o successiva al 25 dicembre 2020 (la data di entrata in vigore della legge istitutiva del contributo). Va sottolineato che l’importo di 1.200 euro indicato non è garantito poiché, come previsto dalla norma e ribadito anche dell’agenzia delle entrate n. 180139/2021 del 6 luglio 2021, l’ammontare “effettivamente concesso ad ogni richiedente sarà frutto di un riparto proporzionale delle risorse stanziate sulla base del rapporto tra l’ammontare dei fondi disponibili e l’ammontare complessivo dei contributi richiesti”. I fondi stanziati, come indicato al comma 4 dell’articolo 9-quater in commento, sono pari a 50 milioni di euro per l’anno 2021.

L’effetto sulle rinegoziazioni future. I tempi di fruizione della disposizione e quelli di invio delle domande non si abbinano perfettamente. Il bonus è infatti concesso in caso di riduzione dei canoni per tutte le mensilità del 2021 mentre i termini di invio sono fissati prima della chiusura dell’annualità 2021 (il 6 settembre, ora 6 ottobre). Per questo l’agenzia delle entrate nel modello per la richiesta del contributo ha previsto l’apposita sezione “per le rinegoziazioni programmate” ovvero quelle le cui formalità verranno espletate entro il 2021 (l’invio del modello RLI) ma successivamente al termine ultimo di invio delle istanze. La proroga al 6 ottobre concessa con il provvedimento in commento ha un chiaro effetto anche per queste casistiche. Di fatto le rinegoziazioni formalizzate post 6 settembre ed entro il 6 ottobre che prima sarebbero rientrate nella specifica sezione delle “programmate”, slittano infatti in quella delle già comunicate all’agenzia delle entrate. Vi è più tempo anche per strutturare nuovi accordi che sarebbero stati esclusi dal contributo in caso di mancata indicazione entro il 6 settembre tra le “riduzioni programmate” ma che ora, con un mese in più di tempo per l’invio delle domande, possono invece rientrarvi.

Le sostitutive. La proroga per l’invio delle istanze ha effetto anche su quello delle domande sostitutive che potranno essere trasmesse sempre entro il 6 ottobre. Le istanze sostitutive possono essere inviate in caso di errore ed hanno l’effetto di emendare le domande in precedenza trasmesse. Il differimento non tocca invece l’eventuale invio delle rinunce al contributo che, come indicato nel provvedimento dell’agenzia delle entrate n. 180139/2021 del 6 luglio 2021, possono essere trasmesse entro il 31 dicembre 2021.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Meno vincoli della privacy per l’utilizzo delle nuove tecnologie in chiave antievasione. La deleg...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il green pass diventa obbligatorio per quasi 20 milioni di lavoratori. Da metà ottobre per acceder...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha preso il via il digital tour di Imprese vincenti 2021, il programma di Intesa Sanpaolo per la va...

Oggi sulla stampa