Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bolloré attacca : “Vivendi non controlla Mediaset e Telecom tornerà grande”

Cinque miliardi investiti in Italia e il meglio deve ancora venire. Così Vincent Bolloré e Arnaud de Puyfontaine, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Vivendi, si presentano all’assemblea annuale del colosso dei media. «In Italia è complicato – ammette Bolloré – ma possiamo fare meglio». A chi lo incalza, domandandogli come uscirà dall’impasse che si è creato con l’Agcom che chiede loro di scegliere tra Telecom o Mediaset, il presidente risponde: «Ci hanno detto che controlliamo Mediaset, mentre invece è chiaramente controllata dalla famiglia Berlusconi. Troveremo una soluzione».
Del fronte Telecom, di cui il colosso francese ha il 24% del capitale, parla De Puyfontaine: «Da quando abbiamo investito in Telecom, i risultati sono tornati a crescere. Anche i dati del primo trimestre sono molto positivi e ci aspettiamo un’accelerata in futuro. Vogliamo rendere Telecom “great again”». Nessuna novità invece sulla governance. «Il presidente – ha aggiunto de Puyfontaine – verrà deciso di comune accordo al consiglio che si riunirà il 5 maggio, dopo l’assemblea ».
Qualora dovesse essere scelto lo stesso de Puyfontaine, riceverebbe una buona integrazione al suo attuale stipendio. Nel 2016 il manager francese ha guadagnato 2,34 milioni (cifra a cui vanno aggiunti i 372mila euro percepiti come vice presidente Telecom). Per il 2017 invece, la remunerazione di de Puyfontaine scenderà a 2,1 milioni perché la componente variabile cala da 1,12 milioni a 900 mila euro. Nello stesso anno, l’attuale presidente di Telecom, Giuseppe Recchi, ha guadagnato ben 1,52 milioni, poco meno dell’ad di Vivendi.
Sull’Italia de Puyfontaine è ottimista «Non c’è alcuna battuta d’arresto, abbiamo un procedimento in corso con Mediaset, ma lo risolveremo. Ho incontrato il ministro Calenda che è molto preparato. Abbiamo grandi progetti per Telecom Italia, gli investimenti italiani sono benvenuti in Francia, non dubitiamo che sia viceversa quando i francesi investono in Italia».
Massimo riserbo invece, per i futuri progetti sulla partecipazione Mediaset. «Non ci siamo pentiti di averla acquistata – precisa l’ad francese– e l’abbiamo fatto dopo l’avvio delle cause legali, per accrescere le probabilità di costruire il nostro progetto, che punta sulla convergenza dei contenuti e sulla creazione di una piattaforma europea». Infine l’ad di Vivendi ha precisato che entro i 60 giorni fissati dall’Agcom lo scorso 19 aprile, Vivendi farà avere all’autorità le misure necessarie per risolvere la situazione.
L’assemblea di Vivendi fila liscia in cinque ore, nonostante qualche lamentela. L’affluenza è al 62,9%, di cui la metà è rappresentata dalle azioni del gruppo Bolloré. I soci approvano a maggioranza del 99% il bilancio, del 76% la remunerazione dell’ad de Puyfontaine, al 71% la cooptazione in board del figlio del presidente Yannick Bolloré e all’81% la conferma di Vincent Bolloré al vertice. Qualcuno dalla platea chiede a Bolloré se la cooptazione del figlio Yannick, ad di Havas, sia il preludio per una fusione di Vivendi con il colosso della pubblicità. «Ci sono solo 6 aziende nel mondo come Havas», ricorda Bolloré. «La società cresce, fa utili e la questione non è se il gruppo Bolloré la vuole vendere, ma se Vivendi la vuole comprare, e questo non può deciderlo il gruppo Bolloré da solo». Per l’ad de Puyfontaine, l’operazione ha senso dal punto di vista strategico, ma attualmente non è in agenda.

Sara Bennewitz

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa