Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bollo più caro sul dossier titoli

di Giuditta Marvelli

Subito: andrà in onda un ritocco al bollo sul deposito titoli. Domani: arriva l’aliquota unica al 20%per le rendite finanziarie. In estrema sintesi queste sono le novità fiscali per investitori e famiglie. Nel provvedimento che entrerà in vigore tra qualche giorno spunta a sorpresa un ritocco all’imposta di bollo sul dossier titoli, che oggi ammonta a 34,20 euro l’anno per chi possiede valori per più di mille euro. Archiviato invece — con grande sollievo degli intermediari e dei trader grandi e piccoli— il ritorno del fissato bollato sulle transazioni di Borsa. La delega per la riforma fiscale, presentata ieri dal governo, mira a ridisegnare completamente le imposte sui guadagni finanziari, portandole a livelli più simili a quelli del mercato internazionale e anche a quelle attualmente sopportate da chi fa investimenti immobiliari. Un sistema nuovo, tutto da mettere a punto, che farebbe scendere drasticamente il prelievo sui conti correnti (oggi al 27%) e salire un po’ quello su azioni, fondi e altri strumenti finanziari (oggi al 12,5%). Con la promessa di sconti interessanti, però, a chi investe con obiettivi di lungo termine utilizzando conti «appositamente istituiti» . E i titoli di Stato? Il governo li ha chiamati fuori. Anche inseguendo il progetto dell’aliquota unica, Bot e Btp, secondo quanto è stato definito finora, continuerebbero a pagare le tasse sui rendimenti alla stessa aliquota di oggi, pari al 12,5%. Per chi possiede invece gestioni patrimoniali, fondi, azioni e qualunque strumento offra «reddito da capitale» la delega del governo parla di un livello unico che può salire dall’attuale 12,5%(una delle aliquote più basse d’Europa) fino al 20%. Il 20%quindi è un tetto massimo, che potrebbe anche non essere raggiunto. Il provvedimento, però, oltre ai titoli di Stato, chiama fuori «piani di risparmio» , fondi pensione e forme di assistenza socio-sanitaria complementare, a cui si promettono aliquote inferiori al fatidico 20%. La previdenza complementare— che già oggi gode di una tassazione agevolata inferiore al 12,5%e nonostante questo fatica a decollare — continuerebbe quindi ad avere un fisco di riguardo. I piani di risparmio a lungo termine, invece, per l’Italia sarebbero una novità. Non a caso nel provvedimento si fa riferimento a conti «appositamente istituiti» . Di che cosa si tratta? Strada facendo si chiarirà. In Francia, negli Stati Uniti e in Inghilterra, per esempio, esistono conti agevolati dove è possibile investire in fondi o in altri strumenti finanziari, impegnandosi a mantenere la soglia del patrimonio immutata per periodi sufficientemente lunghi (cinque, dieci anni), in cambio di un’imposta vantaggiosa. Se l’idea è questa, la riforma spingerebbe per agevolare investimenti privati a lungo termine, una sorta di ulteriore «gamba» previdenziale che non avrebbe però i pesanti vincoli di partecipazione imposti dai fondi pensione. Tutte queste novità non sono però dietro l’angolo: c’è un cammino legislativo da fare che dovrà riempire la cornice disegnata dal governo. E non mancheranno, pare, eventuali norme transitorie. Per regolare senza eccessivi traumi la staffetta tra vecchio e nuovo.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa