Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bollette a 28 giorni, il Consiglio di Stato prende tempo

Chi aspettava i rimborsi per le fatturazioni a 28 giorni da parte delle compagnie telefoniche dovrà armarsi di pazienza e attendere almeno il 21 maggio. Almeno perché anche dopo quella data la misura cautelare che sta tenendo sospesi i rimborsi potrebbe essere allungata, in attesa della conclusione nel merito della vicenda, che potrebbe arrivare prima dell’estate.
Il Consiglio di Stato avrebbe dovuto esprimersi entro il 31 marzo sulla misura cautelare che sospende i rimborsi da parte di Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb, per i giorni “erosi” ai consumatori con il meccanismo della fatturazione a 28 giorni, come previsto dal Tar del Lazio con sentenze dello scorso novembre. Una decisione, quella stabilita dal Consiglio di Stato, in attesa di conoscere le motivazioni del Tar. Nell’udienza di martedì, quindi, «constatato – come si legge nel comunicato dello stesso Consiglio di Stato – che per Telecom le motivazioni non erano state ancora rese pubbliche» è stato deciso «un breve rinvio per adottare una decisione cautelare contestuale valida per tutti i gestori telefonici». L’udienza è stata quindi spostata al 21 maggio.
Questo il quadro, ad oggi, di una vicenda che ha tenuto banco fra 2016 e 2018 e che ha visto i consumatori salire sulle barricate contro le compagnie telefoniche e la loro scelta di portare la fatturazione a 28 giorni. Un meccanismo, questo, che nei fatti andava a creare un aumento dei ricavi (e quindi dei costi per i consumatori) che Agcom ha quantificato in un 8,6% con una “13esima mensilità” (visto che con le 52 settimane in un anno i rinnovi passavano da 12 a 13).
A marzo 2017 arriva il primo atto della vicenda, la delibera 121/17/CONS con cui Agcom è intervenuta per vietare la fatturazione a 28 giorni nelle offerte sul fisso e convergenti, mantenendo invece la possibilità di utilizzarle nel settore mobile. Fra i vari motivi a spiegare il diverso trattamento fra fisso e mobile, Agcom segnalava che il 76% del traffico mobile in Italia è prepagato.
La delibera dava 90 giorni per mettersi in regola, passati invano. E quindi dal 23 giugno 2017 – dal punto di vista dell’Agcom – Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb erano de facto inadempienti. E così con 4 delibere (la 497/17 per Wind Tre, la 498/17 per Vodafone Italia, la 499/17 per Tim e la 500/17 per Fastweb) di dicembre 2017, relatore il commissario Francesco Posteraro, l’Autorità interviene poi per multare le compagnie (1,16 milioni) imponendo loro anche lo storno delle somme tratte dai giorni “erosi” rispetto alla fatturazione che sarebbe dovuta tornare mensile dal 23 giugno 2017. Il ricorso al Tar delle compagnie ha portato al congelamento della restituzione automatica degli utenti fino all’udienza di merito di fine ottobre. Intanto la legge 172/2017 ha messo sostanzialmente fuori gioco le fatturazioni a 28 giorni, con obbligo per le compagnie telefoniche (e le pay tv) di tornare alla fatturazione mensile in un periodo fra il 24 marzo e il 5 aprile 2018.
Si arriva così, con una misura messa comunque fuorilegge, a novembre 2018, con il Tar del Lazio che intanto interviene nel merito, sul pregresso, cancellando la multa di 1,16 milioni per le compagnie telefoniche ma mantenendo i meccanismi “ripristinatori” nel frattempo previsti riconoscendo ai clienti un bonus di giorni in base a ciò che era stato calcolato in più.
Da qui il ricorso delle telco al Consiglio di Stato che si era riservato di decidere entro il 31 marzo, spostando ora il termine al 21 maggio. Comunque si tratta di centinaia di milioni in mancati ricavi. Su tutto, poi, pende in parallelo la spada di Damocle dell’Antitrust. L’Authority ha un’istruttoria in corso su un presunto cartello che si sarebbe manifestato, secondo l’ipotesi accusatoria, nel ritorno dai 28 giorni alle fatturazioni mensili. Le multe sarebbero salatissime.

Andrea Biondi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vietato giocarsi il futuro del Paese, usando la giustizia come pericoloso terreno di conflitto. O pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

C’è una gag, in vita Arenula. La riforma del processo civile, la più importante di tutte perché...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Da quando ha messo piede in via Arenula il 13 febbraio la giurista Marta Cartabia ha perseguito un o...

Oggi sulla stampa