Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Boeing non entra in Alitalia Fs: stop ai voli tra città vicine

Ferrovie dello Stato è pronta a soccorrere Alitalia, ma Boeing – al contrario delle voci degli ultimi giorni – non punta a un ingresso nell’azionariato della nuova compagnia. Se è vero, come spiega l’amministratore delegato di Ferrovie Gianfranco Battisti che il gruppo da lui guidato « potrebbe essere un partner per Alitalia, una opportunità se ci chiederanno di fare un piano industriale » ; più fredda è la posizione del colosso aerospaziale Usa che non sembra intenzionato a occuparsi di un business estraneo alla sua storia.
Fs chiede comunque un percorso chiaro e definito per entrare nel vivo della crisi della compagnia. Perché «ciò che va evitato – secondo Battisti, che ha parlato in un’audizione parlamentare – è la sovrapposizione di linee e rotte. Serve una maggiore sinergia tra i loro e i nostri servizi. Ad esempio – aggiunge il manager – è inefficiente che Alitalia abbia voli da Roma verso città coperte dall’alta velocità, come Firenze, Bologna, Napoli. Dovremmo invece cercare di essere complementari per integrare le offerte ».
Accanto a Fs nei giorni scorsi è spuntato dal cappello il nome di Boeing che, secondo il ministro Danilo Toninelli, potrebbe partecipare al salvataggio della compagnia italiana. Dopo Fs, la Cassa Depositi e molti nomi di aziende di Stato disposte o ” convinte” a versare un obolo per rimettere in carreggiata Alitalia, spunta dunque un giocatore internazionale molto forte.
«I nostri contatti con Alitalia sono costanti e vanno avanti da anni », spiegano fonti vicine al costruttore Usa che non entrano nel dettaglio della vicenda. Queste fonti precisano che si tratta comunque di normali rapporti tra venditore e acquirente, come avviene regolarmente nelle dinamiche di questo settore. E anche se il gruppo americano non si sbottona oltre misura, è difficile ipotizzare un suo improvviso interessamento da investitore.
L’unica strada percorribile per agevolare Alitalia in questa rinascita potrebbe passare attraverso un ” alleggerimento” degli anticipi da versare sui contratti di vendita degli aerei. Una possibilità che non viene esclusa nel caso di compagnie con l’acqua alla gola, come è già avvenuto con l’indiana Jet Airways. Non una partecipazione diretta nell’azionariato quindi, ma una sorta di sostegno all’acquisto visto che i nuovi modelli consumano considerevolmente meno rispetto a quelli utilizzati dall’ex compagnia di bandiera e il carburante è una voce di costo pesante per i bilanci. Ecco perché Alitalia dovrà mettere mano alla sua flotta e, in particolare, a quella di lungo raggio. E Boeing, su questo punto, ha un vantaggio competitivo nel nostro Paese rispetto al concorrente Airbus: il 15% del 787 Dreamliner (impiegato sul lungo raggio) è composto di parti costruite e assemblate in Italia, al contrario dei rivali franco-tedeschi.
Alitalia ha un bisogno urgente di nuovi aerei se vuole rimanere competitiva sulle rotte intercontinentali. Nonostante prezzi di listino che per il Boeing (“italiano” per un sesto) si collocano tra i 230 e i 280 milioni di dollari. In leasing sicuramente si strappano prezzi più convenienti se paragonati a quelli praticati negli anni scorsi dai lessors ( i proprietari) alla compagnia a trazione italo-araba, vicini ai 300 milioni di euro. Come dimostra uno studio di Icct ( International Council on Clean Transportation) Alitalia deve rinnovare la flotta in fretta anche per uscire dagli ultimi posti nel mondo per efficienza e impatto ambientale nei voli attivi tra l’Europa e il Nord America.

Lucio Cillis

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il Covid-19 danneggia maggiormente le piccole imprese, anche se le misure di sostegno del governo ha...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ci vuole una legge per il passaporto sanitario antiCovid. Si tratta di una restrizione alla libertà...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Banca Farmafactoring e Depobank hanno perfezionato il closing dell'operazione di acquisizione e succ...

Oggi sulla stampa