Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bnp spinge sull’Italia: «Puntiamo su Bnl, vogliamo mille sportelli»

di Marco Moussanet

«Bnl, entrata nel gruppo nel 2005, è nel nostro cuore e vi resterà per sempre». Su invito del direttore generale di Bnp, Baudouin Prot, il suo vice Jean-Laurent Bonnafé risponde così – prima in italiano e poi in francese, per non rischiare di essere frainteso – alle voci che periodicamente rilanciano la possibilità di un disimpegno del gruppo francese dalla banca italiana. Mentre lo stesso Prot, a margine della presentazione del bilancio 2010, esclude la possibilità di altre operazioni di crescita esterna in Italia, visto che ancora una volta rispunta l'ipotesi Mps: «No, no, no», risponde il numero uno di Bnp Paribas. Il gruppo parigino ha negato inoltre interesse per Pioneer, messa in vendita da Unicredit e Bonnafé ha sottolineato che Bnl continuerà ad aprire nuove agenzie con l'obiettivo di arrivare a un totale di 1.000 filiali nel 2013 dalle attuali 864.

Non in Italia e neppure su altri mercati. La banca intende infatti concentrarsi sul consolidamento delle operazioni effettuate in questi ultimi anni. A partire ovviamente da Fortis, il pezzo forte che ha cambiato il profilo del gruppo, ma anche con Teb in Turchia e appunto Bnl in Italia. Che «dimostra una buona resistenza in un quadro generale ancora delicato e nel contesto di una ripresa economica debole e lenta». Se il costo del rischio è ancora alto e anzi è cresciuto del 21,1% a 817 milioni (107 punti base rispetto ai 91 del 2009) il coefficiente operativo costi/ricavi (58,5%) ha ormai raggiunto quello medio dei principali concorrenti (59,2%) quando nel 2006 lo scarto era considerevole (55,6% rispetto a 70,6%).

Sul fronte dei risultati Bnp Paribas chiude l'esercizio 2010 con ricavi in aumento del 9,2% a 43,9 miliardi e un risultato operativo in crescita del 3% a 17,4 miliardi. Che, grazie a un calo del 42,6% a 4,8 miliardi del costo di copertura dei crediti a rischio, si traduce in utili netti per 7,8 miliardi (superiori del 34,5% a quelli di fine 2009).

Profitti che collocano la banca al secondo posto in Europa (dopo Santander) e al quinto nel mondo – in attesa che arrivino i bilanci dei due principali istituti di credito cinesi, destinati a prendere la testa della classifica – ma che avrebbero potuto essere lievemente superiori se Bnp non avesse deciso di svalutare per 534 milioni il pacchetto di titoli Axa (5,2%) adeguandoli alla quotazione del 31 dicembre 2010 (12,45 euro).

Una decisione di grande prudenza (come dimostra il fatto che da allora il valore delle azioni del colosso assicurativo è salito del 28% a 15,40 euro creando una plus valenza latente di circa 365 milioni) che ha impattato sull'utile netto del quarto trimestre, per la prima volta da due anni inferiore alle previsioni degli analisti: 1,55 miliardi rispetto a 1,73 atteso dal mercato. Prot ha comunque ribadito che «Bnp è un azionista importante di Axa e intende restare tale a lungo».

Quanto alla redditività il colosso francese ha registrato un Roe del 12,3%, in lievissima crescita. E al riguardo il direttore generale ha osservato che con i nuovi vincoli di Basilea III si tratta ormai di una situazione strutturale: «È finito per sempre il tempo in cui le banche avevano livelli di redditività inusualmente alti. Ormai sono allineate allo standard delle migliori società di servizi».

Infine la solvibilità: Bnp ha mezzi propri per 69 miliardi, circa il doppio rispetto ai 36 del 2007, e un ratio Tier 1 dell'11,4 per cento. «Un livello che rimarrà alto – ha commentato Prot – con la decisione di continuare a destinare a riserva due terzi dei nostri utili netti».
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

C’è un discreto numero di avvocati già in pole position per il titolo di “specialista” da in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sotto l’insegna UniQLegal, gli studi Nctm e La Scala avviano la società tra avvocati per azioni....

Oggi sulla stampa