Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Blitz italiano in Usa a Gtech i casinò di Igt via al colosso dei giochi

Per una volta è una società italiana, Gtech a rilevare il controllo di una rivale americana International Game Technology, e a lanciare un’offerta da 6,4 miliardi di dollari (di cui 1,7 miliardi di dollari di debiti), pari a complessivi 4,7 miliardi di euro, da cui nascerà un colosso mondiale dei giochi.
L’operazione fa volare le quotazioni del gruppo Usa dell’8,2%, ma anche Gtech ha guadagnato in Piazza Affari il 4% chiudendo sopra quota 19 dollari per azione. Il matrimonio delle due società permetterà di realizzare a regime 280 milioni di dollari di sinergie all’anno, di rifinanziare a tassi inferiori il costo medio del debito dell’ex Lottomatica, di creare nuove opportunità di crescita nel mondo e di beneficiare di un regime fiscale agevolato dato che la sede del nuovo colosso sarà basata in Inghilterra. Al termine dell’operazione, che sarà finanziata per tre quarti ricorrendo a nuovo debito (3,5 miliardi di dollari) e per il resto emettendo nuove azioni Gtech, il gruppo De Agostini che attualmente controlla il 59% della società italiana si diluirà al 47% del nuovo colosso dei giochi. L’intesa non dovrebbe incontrare problemi antitrust dato che le due società che operano in segmenti diversi del mercato dei giochi. Mentre Gtech è specializzata nella gestione delle lotterie e dei giochi in concessione, Igt è il leader Usa nella produzione di slot machine, anche se la sua quota di mercato in questo segmento — secondo alcune stime — è scesa dal 60% del 2003 al 41% registrato nel 2013. Ieri anche il gruppo De Agostini ha diffuso i risultati 2013: ricavi scesi a 4,9 miliardi (5 miliardi del 2012) per colpa delle attività editoriali, mentre il margine lordo è rimasto stabile a 1,15 miliardi e l’utile fermo a quota 24 milioni. «Nel 2014 le nostre attività potranno continuare a rafforzarsi, ma resteranno condizionati dal quadro macroeconomico in Europa e in Italia — ha commentato Lorenzo Pellicioli, che è ad di De Agostini spa — In questo contesto sarà quindi necessario accelerare il turn-around dei business con criticità, continuare nella semplificazione del portafoglio e nell’internazionalizzazione delle nostre attività».
Come ieri ha fatto Gtech puntando tra debiti e capitale 4,7 miliardi di euro sugli Usa.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa