Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

BlackRock sale al 5% di UniCredit

Si consolida il fronte dei soci esteri in UniCredit, dove BlackRock sale al 5,03% e diventa il secondo azionista alle spalle di Aabar. Il fondo americano è una presenza storica nel capitale di Piazza Cordusio, e dopo aver diluito la propria partecipazione alla vigilia dell’aumento di capitale dello scorso anno, da allora aveva invertito la rotta: a fine gennaio 2012 era risalito al 3,1%, poi a novembre aveva chiesto, usufruendo di un’esenzione prevista dalla Consob, che le partecipazioni comprese tra il 2% e il 5% e detenute nell’ambito dell’attività di gestione del risparmio, tra cui anche quella in UniCredit, non fossero più considerate rilevanti. Il fondo era così scomparso dall’elenco dei soci, per poi tornare ora – dopo una serie di progressivi aggiustamenti – con il superamento della soglia del 5%; secondo le comunicazioni Consob diffuse ieri, la quota americana fa capo a una ventina di diversi fonti targati Blackrock.
Il consolidamento degli americani di fatto arriva dopo l’investimento degli arabi di Aabar e l’ingresso, in estate, dei russi di Pamplona, a comporre un azionariato sempre più internazionale che non sembra dispiacere ai vertici della banca. Piazza Cordusio ieri non ha commentato, ma la notizia è stata gradita dalla Borsa, dove il titolo ha guadagnato il 2,99% anche sull’effetto della vendita del 9,1% di Pekao (con relativo incasso di 890 milioni di euro) che si è chiusa l’altroieri. Alle spalle del trio Aabar-Blackrock-Pamplona, tra i soci stranieri figurano ora i libici della Central Bank of Libya e della Lia (circa 4%), Capital Research (2,7%) e Allianz (2%): cresce, dunque, il peso dei soci esteri – oggi al 25% – e si riduce quello dei soci italiani, con il 9% detenuto dalle ultime tre grandi fondazioni azioniste (CariVerona, Crt e Carimonte), puntellato dal 2% del patron di Luxottica, Leonardo Del Vecchio e dalle piccole quote detenute da alcune Fondazioni minori.
La partita kazaka
In attesa dei conti del 2012, attesi a metà marzo, UniCredit continua intanto a lavorare sui diversi dossier esteri. Tra questi, in primo piano resta anche la cessione della controllata Kazaka Atf Bank (si veda Il Sole 24 Ore di mercoledì): secondo quanto riportato ieri da Reuters, il gruppo potrebbe cederla entro la fine di aprile a una società controllata dall’imprenditore locale Galimzhan Yesenov, che sarebbe disposto a pagare una cifra intorno ai 500 milioni di dollari: in particolare, il 6 dicembre scorso sarebbe stato firmato un accordo preliminare tra UniCredit e KazNitrogenGaz, la holding di Yesenov, che prevede come termine per la chiusura del deal la fine di aprile.
CariVerona e Mediobanca
Sempre ieri, la Consob ha comunicato che Fondazione CariVerona è scesa all’1,95% di Mediobanca. A quanto si apprende, per l’ente scaligero, che dall’originario 3,1% si era portato al 2,1% comunicato in occasione dell’assemblea di fine ottobre, si tratterebbe di un semplice ritocco deciso per beneficiare del buon andamento del titolo.

Si avvicina la vendita della controllata kazaka Atf: la chiusura del deal potrebbe arrivare entro aprile per 500 milioni di dollari

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa