Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I big mondiali contro le fake news «Insegniamo a scuola a difendersi»

Rilanciare sui social network e su migliaia di siti Internet alcune notizie che mescolano il verosimile al vero. Ideando titoli che richiamano l’attenzione dei lettori provocando indignazione e rabbia. È la strategia adottata dai propagatori di fake news o, più semplicemente, notizie false. Insomma le bufale o leggende metropolitane che non solo rendono meno credibile la Rete ma sono diventate un problema sul tavolo dei giganti del mondo digitale e dei governi. Ognuno, nei rispettivi ruoli, studia come proteggere e rendere riconoscibile l’informazione di qualità.

Operazione tutt’altro che semplice perché nessuno è al riparo dalle bufale. Specialmente i giovani e il mondo della scuola. Le notizie false minano il sale della democrazia: il rapporto virtuoso tra la corretta informazione e la formazione. Il presidente dell’Osservatorio permanente giovani-editori (Opge), Andrea Ceccherini, ha istituito l’International advisory council. «Lo scopo? Elaborare il più bel progetto al mondo contro le fake news». Del think tank fanno parte Dean Baquet (direttore del New York Times ), Gerard Baker (direttore del Wall Street Journal ) e Davan Maharaj (direttore del Los Angeles Times ). Il lavoro è già iniziato e Ceccherini, ha svolto più viaggi nella Silicon Valley per confrontarsi anche con i leader dei giganti del mondo digitale: da Tim Cook (Ceo di Apple) a Eric Schmidt (numero uno di Google e Alphabet) passando per Jan Koum (fondatore e Ceo di WhatsApp).

L’obiettivo è, per dirla con Steve Jobs, di «connettere i puntini» fra le migliori intelligenze dei media tradizionali e quelle del mondo digitale per trovare una strategia vincente.

«Bisogna aggredire le fake news , non dal lato dell’affollato campo del fact checking — spiega Ceccherini — ma del ben meno calcato terreno di chi vuole investire sullo sviluppo del pensiero critico della persona, perché non dobbiamo abdicare all’idea che abbiamo una testa sulle spalle, e dobbiamo imparare a usarla, allenando i ragazzi a distinguere, i contenuti credibili da quelli che credibili non lo sono. Fin dalla scuola».

Per questo il presidente dell’Opge si è confrontato con Laurene Powell Jobs, vedova del guru di Apple, che guida la fondazione «Emerson Collective», impegnata nell’aiutare i giovani e il mondo dell’educazione. Gli stessi obiettivi dell’Osservatorio e dal progetto contro le fake news : «Mettere al centro la persona, per allenarla a guardare il mondo con i propri occhi e pensare con la propria testa, sviluppando quello spirito critico che la renderà più attrice e meno spettatrice, più leader e meno follower , più cittadina e meno suddita».

Un’educazione civica 2.0 che il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha apprezzato augurandosi che la sperimentazione del progetto avvenga nella Grande Mela.

Alessio Ribaudo

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa