Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Berlino dice no a Tsipras “Tratti con la Troika” Il premier: “Niente ricatti”

«La decisione della Banca centrale europea sulla Grecia è legittima e opportuna». La frase di Matteo Renzi, pronunciata proprio mentre qui a Berlino si svolgeva il vertice-braccio di ferro tra i ministri delle Finanze ellenico e tedesco, Varoufakis e Schaeuble, ha chiarito i rapporti di forza nell’eurozona: Italia e Francia pur non sposando il rigore tedesco, non lasciano sola Angela Merkel nella difesa di regole uguali per tutti. E Schaeuble ha ricordato all’ospite greco che «le riforme e il risanamento restano indispensabili, e alcune decisioni del nuovo governo ateniese non vanno nella direzione giusta». Atene e i big dell’eurozona insomma concordano nel dissenso sulla linea greca. E anche l’Fmi fa sapere che l’accordo sul debito e sul programma «non cambia». Insomma, contro le richieste di Atene di rinegoziare debito e programma, si sta alzando un muro compatto di no. Tanto che il premier Tsipras ha accettato l’invito di Putin a volare a Mosca per il 9 maggio. «Dai partner — ha detto il premier greco — pretendiamo rispetto, non ricattiamo nessuno, nessuno ci ricatti. Vogliamo un nuovo accordo con i creditori. Quanto alla Troika, è completamente finita».

Per ora il braccio di ferro pesa solo in parte i mercati, dove soltanto Atene subisce forti perdite (meno 3,4%). Ma il clima resta molto teso. La Bce, come si ricorda, l’altro ieri sera ha deciso di escludere i titoli sovrani ellenici dal ruolo di garanzie per il rifinanziamento di istituti bancari della penisola. A questo punto resta solo il programma di emergenza (Ela) e il board di Francoforte ha autorizzato ieri la banca centrale greca a concedere fondi per 60 miliardi alle banche elleniche. Atene appare insomma sempre più in difficoltà. Ieri, dopo l’incontro, Schaeuble ha detto che «le riforme in Grecia restano una necessità inevitabile, e alcune scelte non vanno nella direzione giusta». «Atene non può scaricare i suoi problemi sulle spalle altrui e deve tornare a riconoscere la Troika come interlocutore». «Quello che noi chiediamo — gli ha risposto Vaoufakis — è di arrivare a una sintesi. Ci dovrebbe essere un programma-ponte da adesso alla fine di maggio per poi fare un nuovo contratto con Bce, Ue e Fmi». E a Schaeuble ha ricordato che «la Grecia ha bisogno della Germania, che si è trovata nel passato nella sua stessa situazione, cioè umiliata dagli altri Paesi e in una pesante depressione, quella che il secolo scorso ha portato all’ascesa del nazismo. Il terzo partito del Parlamento greco è il partito nazista», ha ricordato Varoufakis, facendo riferimento ad Alba Dorata.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Possono non piacere le strategie, ma non si possono negare i risultati. Mediobanca avvia il nuovo es...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nel terzo trimestre la tolleranza al rischio delle banche italiane è mutato, facendo emergere un «...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Un piano solido in un momento difficile per il sistema Paese in cui Acea, in virtù del suo busine...

Oggi sulla stampa