Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Da Bce il manuale per la Vigilanza sugli istituti minori

La Bce prova a uniformare le regole di vigilanza anche sulle banche “less significant”. Francoforte ha pubblicato infatti un indirizzo e una raccomandazione destinati alle singole banche centrali nazionali relativi all’esercizio delle opzioni e delle discrezionalità nazionali (Odn) previste dal diritto dell’Unione europea. L’iniziativa è rivolta alle banche vigilate direttamente dalle singole Autorità nazionali, ossia gli enti meno significativi (less significant institutions, Lsi). Si tratta di fatto delle banche con meno di 30 miliardi di attivi, quelle che si trovano al di fuori della Vigilanza diretta Bce.
I documenti, già oggetto di una consultazione pubblica iniziata a novembre scorso e chiusa a inizio gennaio, puntano ad armonizzare l’azione di vigilanza sulle banche nei 19 paesi aderenti al Meccanismo di vigilanza unico (Ssm), con l’obiettivo di assicurare parità di condizioni all’intero sistema bancario nell’area dell’euro. La Bce assicura di aver tenuto pienamente conto del principio di proporzionalità, nella formulazione della policy per le cosiddette “options and discretions”. E, dettaglio importante, le nuove regole non «introducono richieste di reporting addizionale» per le istituzioni.
Come noto, l’attuale quadro regolamentare include una serie di opzioni e discrezionalità nazionali regolamentari, molte delle quali riservate alle autorità competenti. Alcune di queste, dice la Bce in una nota «andrebbero applicate in via generale a tutte le banche», mentre «per altre andrebbero valutate caso per caso la situazione e le caratteristiche specifiche dei singoli enti». Bce in una nota sottolinea che un’applicazione «incoerente» delle opzioni e discrezionalità potrebbe avere ripercussioni sulla «solidità complessiva» dell’assetto di vigilanza e sulla «comparabilità dei requisiti prudenziali».
Peraltro, per molte delle Odn contenute nei due documenti è prevista la stessa applicazione a livello€ di banche significant (sopra i 30 miliardi) e di less significant. Le sette opzioni contemplate dall’indirizzo sono di natura generale, le 43 incluse nella raccomandazione devono essere valutate caso per caso ma sulla base di un approccio comune. Per otto delle opzioni considerate dalla raccomandazione è stato ritenuto necessario elaborare un approccio semplificato specifico per le “less significant”, al fine di ridurre gli oneri a carico delle banche di minori dimensioni.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa