Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bce, a giugno i finanziamenti alle imprese

Non solo la Banca centrale europea è «a suo agio» con l’idea di agire il mese prossimo per combattere la bassa inflazione nell’Eurozona, come ha detto la settimana scorsa il suo presidente Mario Draghi, ma sta lavorando «a grande velocità» per preparare una gamma di possibili strumenti, ha affermato ieri il consigliere dell’Eurotower, Yves Mersch. E dal presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, è venuta la conferma che «siamo pronti ad agire, se necessario», la ripetizione, parola per parola, del mantra di Draghi, anche se il banchiere centrale tedesco ha voluto precisare che, per ora, «non abbiamo ancora detto di sì a nulla», dopo che martedì era trapelato il consenso della Bundesbank a diverse opzioni di intervento.
Se fino a qualche settimana fa sembrava probabile che la Bce volesse procedere con una serie di misure in sequenza, cominciando dal taglio dei tassi d’interesse, per poi farlo seguire da interventi sulla liquidità e, in ipotesi estrema, da acquisti di titoli, emerge ora, da diverse fonti monetarie, che alla riunione del prossimo 5 giugno il consiglio potrebbe decidere tutti assieme diversi interventi. In un’intervista rilasciata al settimanale tedesco “Die Zeit”, l’altro membro del consiglio e capo economista dell’Eurotower, Peter Praet, ha confermato questa linea. Sarà il team di Praet a presentare le nuove previsioni, che includeranno un ribasso dell’inflazione per il 2014 (dall’1% allo 0,7-0,8%), probabilmente per il 2015 (dall’1,3%) e forse anche per il 2016 (dall’1,5%).
L’insistenza a più voci dei membri del consiglio che giugno sarà la volta buona per passare dalle parole ai fatti ha in pratica messo la Bce nella condizioni obbligata di dover agire. Con l’aspettativa che si è creata sui mercati, infatti, la mancata decisione non lascerebbe le cose immutate, ma creerebbe di fatto un’immediata restrizione delle condizioni monetarie, attraverso un rialzo dell’euro, situazione che il consiglio vuole evitare.
Il taglio dei tassi dovrebbe includere sia una riduzione di 10-15 punti base del tasso principale di rifinanziamento, oggi allo 0,25%, sia quella del tasso sui depositi delle banche presso la Bce, oggi a zero: il taglio contemporaneo permetterebbe di mantenere il corridoio fra l’uno e l’altro. Diverse fonti di mercato ritengono oggi la prima mossa più importante della seconda. Infatti, riducendo il tasso refi, la Bce può abbassare il riferimento per i tassi del mercato monetario, che in tempi recenti hanno mostrato eccessiva volatilità. Il tasso negativo sui depositi, ritenuto fino a qualche tempo uno strumento adatto a far scendere l’euro (il cambio forte è una delle principali preoccupazioni della Bce per il suo impatto disinflazionistico), ora, dopo la lunga procastinazione, appare alle stesse fonti di mercato un’arma che potrebbe rivelarsi spuntata.
Sul fronte della liquidità e del rilancio del credito, soprattutto alle piccole e medie imprese, le opzioni sono diverse: Praet ha citato esplicitamente la possibilità di un nuova iniezione a lungo termine (Ltro), ma condizionata alla concessione di credito all’economia reale. La Bce potrebbe inoltre procedere all’acquisto di titoli cartolarizzati (Abs) da prestiti alle Pmi: non è escluso che questa mossa venga annunciata, ma messa in atto più avanti, per definirne i dettagli tecnici e portare avanti la revisione dei requisiti patrimoniali che oggi penalizza questo strumento. Restano sul tavolo anche l’allungamento dell’allocazione illimitata a tasso fiso (fixed rate full allotment) e la fine della sterilizzazione dei titoli acquistati con il programma Smp, che corrisponderebbe a 165 miliardi di nuova liquidità.
L’acquisto di titoli, il quantitative easing (Qe), resta un’ipotesi, politicamente spinosa, da esplorare solo, come ha confermato ieri Praet, in caso di «significativo peggioramento» delle prospettive d’inflazione. Non è in agenda per giugno.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa