Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Battuta d’arresto per gli ebook

Alla Buchmesse si ritrovano oltre settemila editori di 106 paesi, dalla Mongolia all’Islanda, i giornalisti accreditati sono 10 mila. Nei giorni della più grande fiera del libro al mondo gli alberghi e le pensioni di Francoforte raddoppiano i prezzi, ma vengono prenotati con un anno di anticipo, gli stands sono carissimi e ti mettono in conto persino l’affitto delle sedie.

E da non dimenticare il biglietto aereo, in questa settimana anche le compagnie low cost praticano tariffe quasi normali. Eppure la Buchmesse da anni, anzi da decenni, in teoria non servirebbe a niente. In passato a Francoforte erano messi all’asta i bestseller di domani, magari non ancora scritti, scommettendo sul nome dell’autore, o su due paginette di presentazione. Le aste per decine di migliaia di dollari, anche centinaia di migliaia, appartengono a un favoloso passato. Oggi, gli affari sono decisi già in anticipo, i libri possono venire inviati per pdf, anche quelli illustrati. Si sa tutto di tutti, ma non si vuole mancare all’appuntamento d’ottobre a Francoforte, che sarà accogliente ma non è certo Parigi, o Londra. Perché ci si vuole vedere in faccia, perché come in tutte le fiere, da quelle del bestiame a quelle supertecnologiche di oggi, conta il contatto umano. Nessuna email, per quanto lunga e precisa, vale come due chiacchiere scambiate in piedi faticosamente davanti a un chiosco di würstel, mediocri e cari.

Un libro va preso in mano per essere valutato, non solo letto.

Ma per quelli che seguono sempre la corrente, il libro in carta dovrebbe essere in agonia. La notizia è apparsa proprio nel giorno d’apertura della Buchmesse. Probabilmente Frau Irmgard Siebert ha atteso il momento opportuno. È la direttrice della biblioteca dell’università di Düsseldorf e ha annunciato che si dimetterà il prossimo 31dicembre. Addio quasi obbligato, perché i burocrati responsabili della biblioteca hanno deciso di dimezzare il catalogo, naturalmente per risparmiare. A che serve tanta carta se studenti e professori possono leggere tutto o quasi in ebook? le hanno detto. E che fine faranno le migliaia di volumi da eliminare? Makulieren, è stato l’ordine impartito a Frau Siebert, mandarli al macero.

Perfino ai soldati tedeschi oggi è consentito non eseguire un ordine ritenuto ingiusto. La Costituzione sancisce che devono seguire la propria coscienza e non il caporale di turno. E la signora ha preferito le dimissioni: «Sono sempre convinta», ha risposto, «che i libri stampati, come giornali e periodici su carta, siano insostituibili per la cultura e per l’informazione scientifica, e per formare il pensiero critico di studenti e docenti». Temo che i suoi capi non torneranno indietro, e l’errore sarà irreparabile. Perché dimezzare il catalogo? Domani tanto vale chiudere del tutto la biblioteca.

Neanche i dati servono a convincere: in Germania, l’ebook continua a non avere quel successo straordinario previsto dai soliti esperti. La percentuale di chi li usa è del 25%, che naturalmente varia con l’età. Si va dal 37% di chi ha meno di 30 anni, al 15% dei cinquantenni. Ma leggono sempre anche su carta. I giovanissimi sotto i 18 anni hanno tutti un lettore, ma solamente il 10% legge solo sullo schermo. Hanno spiegato che vogliono vedere i libri comprati in mostra negli scaffali della loro camera. Sul mercato, la percentuale di ebook ha raggiunto nei primi mesi di quest’anno il 5,7%, contro il 4,9 del 2016, e il 4,8 del 2015. Ma il fatturato nei primi mesi del 2017 è diminuito del 3,4%, si va avanti lentamente abbassando i prezzi. Per questo, migliaia di editori e di collaboratori continuano a venire alla Buchmesse, invece di valutare un bestseller ipotetico al computer.

Roberto Giardina

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Contro le previsioni, anche il fondo Bluebell avrebbe raggiunto la soglia minima del capitale Mediob...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppio cda, per rispondere al governo. Oggi si riunirà prima Aspi, poi Atlantia. Non è detto che l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

llimity Bank ha finalizzato due nuove operazioni nel segmento 'senior financing' per un ammontare co...

Oggi sulla stampa