Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Basilea 3, correzioni in corsa

È vero, nel documento è scritto con chiarezza che il pensiero espresso da Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, è personale e non riflette in alcun modo la posizione della Banca centrale europea. Ma leggere in un occasional paper, il numero 40 della collana «Questioni di economia e finanza» pubblicato in questi giorni nel sito di palazzo Koch, che potrebbe essere rischioso rinviare l’applicazione di Basilea 3 e dei nuovi parametri di solvibilità, capitalizzazione e patrimoniali delle banche fa un certo effetto.

Soprattutto perché quel testo ha tra i suoi firmatari, oltre a Paolo Angelini e Sergio Nicoletti-Altimari, appunto il numero uno di via Nazionale. Convinto, come gli altri autori, che la crisi nata dopo il crac della Lehman brothers e un paio di anni dopo trasformata in Europa in crisi dei debiti sovrani abbia dimostrato che «le perdite sociali associate alle crisi bancarie e finanziarie possono essere altissime». Ragion per cui, le politiche macroprudenziali (cioè le strategie per limitare i rischi di una crisi di sistema) «dovrebbero tenere conto delle caratteristiche strutturali del sistema finanziario, con l’obiettivo di limitare i rischi, ridurre la prociclicità e aumentare la capacità di recupero, costruendo così nei periodi buoni paraurti robusti da utilizzare nelle avversità». Per via Nazionale, insomma, l’eventualità che il rinvio dell’applicazione di Basilea 3 da parte degli Stati Uniti convinca anche l’Europa e l’Unione Europea a dire sì a uno slittamento non è uno scenario tranquillizzante. Certo, il dibattito sulla possibilità che «il settore bancario sopporti un livello di capitalizzazione significativamente più alto» o che invece questi maggiori costi «si rivelino proibitivi» è aperto. Ma l’evidenza dei fatti, secondo Angelini,Nicoletti-Altimari e Visco, dimostra che le caratteristiche chiave dell’apparato microprudenziale sono «cruciali per prevenire l’instabilità finanziaria». «In particolare, il metodo per misurare i rischi sopportati dalle banche», prosegue lo studio, «tende a essere soggetto a indebolimento». Un modo elegante, questo, per dire che spesso le regole sono aggirate con fin troppa facilità dal mondo della finanza. «Il nuovo accordo di Basilea 3 affronta alcuni di questi problemi attraverso la revisione del metodo di calcolo del Rwa (Risk weighted assets, attività ponderate al rischio) e con l’introduzione di un tetto al leverage ratio (cioè al parametro che indica la leva finanziaria, ndr), un indicatore che è grezzo ma anche più semplice, trasparente e più difficile da manipolare», scrivono gli autori. «Entrambe queste modifiche della regole dovrebbero essere tenute sotto stretto controllo e rese più raffinate nel corso del tempo, tenendo presente che gli intermediari finanziari tendono a reagire rapidamente alle nuove regole e a renderle meno efficaci».

Una frase, questa, che associata ad alcune osservazioni molto tecniche sul funzionamento degli attuali indicatori di Basilea 3 e agli ultimi dati forniti dal Financial stability board secondo i quali gli asset gestiti dallo shadow banking in 25 paesi e nell’intera Eurozona sono aumentati di 6mila miliardi di dollari in un anno, a quota 67mila miliardi, lascia intendere come via Nazionale sia contraria al rinvio e favorevole, invece, a quello che in gergo si definisce fine tuning, cioè a una messa a punto in corso d’opera del funzionamento dei parametri. Una posizione che contrasta in parte con quella espressa di recente da Confindustria, che il 9 novembre scorso, dopo che la Federal reserve ha annunciato il rinvio dell’applicazione di Basilea 3 negli Usa, ha invitato l’Ue a «una pausa di riflessione». Come ha sottolineato il presidente del Comitato credito di Confindustria e della piccola industria Vincenzo Boccia, che ha chiesto in sostanza uno stop temporaneo «anche da parte delle istituzioni europee per ripensare la normativa e valutare eventuali modifiche e semplificazioni». Viale dell’Astronomia aveva accompagnato la richiesta con la considerazione che «l’omogeneità delle regole e l’uniformità nella loro applicazione in tutti i paesi destinatari della regolamentazione sono elementi fondamentali per raggiungere pienamente l’obiettivo della stabilità del sistema finanziario. E questo anche per assicurare condizioni di parità competitiva tra gli operatori del mondo finanziario e produttivo dei diversi paesi». Argomenti che hanno trovato in via Nazionale una accoglienza che sembra, se non fredda, quantomeno non entusiastica.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Spero che l’instabilità politica in Italia non metta a repentaglio il lavoro sul Recovery Plan ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’annuncio ha stupito. Se non altro per i tempi. A poche settimane dall’insediamento dell’ammi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’incertezza rimane molto elevata, per la dinamica della pandemia con le sue nuove varianti e per ...

Oggi sulla stampa