Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bankitalia, via agli sconti fiscali sui pagamenti elettronici

Roma – In vista della riapertura delle attività gli esercenti e i professionisti che sceglieranno di privilegiare mezzi di pagamento diversi dal contante potranno beneficiare, dal 1° luglio prossimo, di un credito d’imposta del 30% sulle commissioni a loro addebitate dagli intermediari. L’ultimo provvedimento attuativo per accendere questo incentivo al minore utilizzo del contante è arrivato ieri da Bankitalia, che ha pubblicato le regole per i prestatori dei servizi di pagamento. L’altro provvedimento atteso dall’Agenzia delle Entrate è stato pubblicato il 29 marzo.

I gestori dei servizi di pagamento che hanno stipulato convenzioni con esercenti residenti in Italia dovranno comunicare, almeno una volta al mese, l’elenco delle transazioni effettuate e le informazioni relative alle commissioni corrisposte dagli esercenti. Con queste informazioni questi ultimi potranno inviare la richiesta per la detrazione. Come si ricorderà la norma, introdotta con l’ultima legge di Bilancio, è riservata per gli esercenti di attività d’impresa, arte e professioni con ricavi non superiori a 400.000 euro. Le comunicazioni dovranno arrivare entro il 20 del mese successivo a quello con il conteggio delle commissioni da detrarre. Valgono tutti gli strumenti di pagamento elettronici tacciabili ma sono esclusi i bollettini postali e gli assegni. Ai fini della detraibilità delle commissioni vale l’accettazione sul territorio nazionale da parte dei soggetti convenzionatori, e non la nazionalità del prestatore che emette carte di pagamento o offre altri strumenti di pagamento elettronici tracciabili. Per esempio, può essere considerata utile ai fini del credito di imposta la commissione relativa a una transazione effettuata con una carta di pagamento emessa da un prestatore di servizi di pagamento statunitense e spesa dal consumatore finale presso un esercente italiano. Saranno valide solo le commissioni addebitate dai soggetti convenzionatori per le transazioni effettuate dai consumatori finali.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il colosso cinese Huawei non compare nella lista dei fornitori ammessi alla gara indetta da Tim e pa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tutti sulla nuvola a caccia dell’oro del secolo: i dati. Come custodirli, in sicurezza. E scambiar...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rinvio al 30 settembre del termine per l'approvazione dei bilanci di previsione 2020-2022 e della sa...

Oggi sulla stampa