Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bankitalia: spettro fallimento per 6.500 aziende entro il 2022

La forte contrazione dell’economia, con un Pil in caduta di 9 punti nel 2020, porterà a un aumento di circa 2.800 fallimenti aziendali entro il 2022. A questi default potrebbero poi aggiungersi altri 3.700 fallimenti «mancanti» nel corso dell’anno appena concluso a causa degli effetti temporanei della moratoria e delle misure di sostegno. Il totale dei fallimenti innescati dalla crisi sarebbe al momento attorno ai 6.500, quasi il 60 per cento di quelli registrati nel 2019 (circa 11mila), e in parte preponderante potrebbero verificarsi nel corso di quest’anno.

La stima è contenuta in una Nota Covid-19 pubblicata ieri da Bankitalia in cui si propone una relazione tra fallimenti e ciclo economico basata su un fattore di elasticità rispetto alla variazione del valore aggiunto. Le previsioni proposte dagli analisti di Palazzo Koch vanno interpretate con cautela: «da un lato – si spiega nella Nota – potrebbero essere sottostimate, nella misura in cui la caduta eccezionale del Pil comporterà un aumento maggiore di fallimenti rispetto a quanto stimato da precedenti fasi recessive; dall’altro lato, potrebbero essere sovrastimate se le misure di sostegno adottate e l’intensità della ripresa economica saranno capaci di aiutare le imprese a fronteggiare la difficile fase congiunturale».

Naturalmente i fallimenti rappresentano solo una parte della storia di questa crisi, visto che molte attività economiche usciranno dal mercato senza passare da procedure concorsuali. E infatti gli analisti segnalano che le loro elaborazioni sui dati di bilancio di tutte le società di capitali dimostrano che le società «fallibili», ovvero con i requisiti previsti dalle norme, sono circa il 76% del totale e incidono per la quasi totalità del valore aggiunto prodotto. I dati sui fallimenti sono stati raccolti dal Ministero della Giustizia mentre i dati sul ciclo economico provengono dai conti economici territoriali dell’Istat.

L’analisi econometrica prende le mosse dalla dinamica dei fallimenti del recentissimo passato, iscritti presso i tribunali italiani tra il 2007 e il 2019, periodo caratterizzato da una doppia recessione. Nel complesso, tra il 2007 e il 2014 la caduta del Pil è stata di 8,5 punti percentuali, e negli stessi anni il numero annuo di fallimenti è aumentato di 2,5 volte, passando da circa 6.000 a oltre 15.000. Negli più anni recenti, al contrario, il numero di fallimenti è progressivamente diminuito attestandosi nel 2019 intorno alle 11.000 unità. E nelle stime si ipotizza quest’ultimo valore come «fisiologico», ovvero legato a una situazione congiunturale normale.

Vale ricordare che secondo i dati del registro delle imprese raccolti da Infocamere, diversamente dalle attese all’inizio della pandemia, il numero dei fallimenti attualmente dichiarati nel 2020 è significativamente inferiore a quello del 2019: circa 3.700 (un terzo in meno rispetto all’anno precedente). Ma attenzione: questo risultato – si sottolinea nella Nota di Bankitalia – è riconducibile, innanzitutto, all’introduzione della moratoria per le domande di fallimento – dal 9 marzo al 30 giugno 2020 – relativamente sia alla dichiarazione di fallimento sia all’accertamento giudiziale dello stato di insolvenza. Inoltre le forti limitazioni alle attività dei tribunali – nel lockdown e dopo – potrebbero aver rallentato l’attività di definizione dei procedimenti.

Ieri Bankitalia in una seconda Nota Covid-19 ha poi annunciato lo sviluppo di un nuovo indicatore settimanale dell’andamento dell’economia italiana, (Itwei), che terrà conto del nuovo contesto che si è determinato con la pandemia. Il nuovo indicatore sta dimostrando di essere particolarmente utile nella previsione e nell’analisi delle politiche in questa fase. L’indice Itwei – si spiega nella Nota – ha una buona capacità predittiva sia fuori campione durante la pandemia Covid-19 (gennaio 2020-settembre 2020), sia all’interno del campione in “tempi normali” (gennaio 2011-dicembre 2019); sono attualmente in corso ulteriori analisi per migliorare la stima dell’indicatore anticipatore.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Anche Mediobanca si allinea al trend generale del credito e presenta risultati di tutto rilievo, bat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Gruppo Arvedi rivendica, oltre al completo risanamento di uno dei siti più inquinati d’Italia ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il premier Mario Draghi ha un’idea verde per la siderurgia italiana, che fa leva sui miliardi del ...

Oggi sulla stampa