Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bankitalia: sofferenze in frenata

Il ciclo del credito ha segnato, in marzo uno sviluppo che sembra riflettersi nelle aspettative di crescita dell’economia nazionale (+0,2% nei primi 90 giorni dicono gli osservatori) con prestiti in aumento più per le famiglie che per le imprese. Secondo i dati pubblicati ieri dalla Banca d’Italia nel Supplemento “Banche e moneta”, nel mese che ha chiuso il primo trimestre gli impieghi alla famiglie sono cresciuti del 2,4% (+2,2% a febbraio) e quelli per le aziende non finanziarie dello 0,3% (0,1% il mese prima). Nel complesso i prestiti ai privati al netto delle cartolarizzazioni son cresciuti dell’1% su base annua (+0,8% a febbraio). In questo contesto di ripresa cauta e selettiva degli impieghi – più alle famiglie meno indebitate e alle imprese con elevato merito di credito, come segnalato il Rapporto sulla stabilità finanziaria della scorsa settimana – è proseguita la raccolta via depositi (+4,1% annua; +4% in febbraio) mentre prosegue senza freni il deflusso da quella obbligazionaria (-15,7%). Stazionari i dati sui prestiti deteriorati. Il tasso di crescita delle sofferenze è stato del 7,1% annuo (7,5 il precedente) mentre il dato corretto tenendo conto di cartolarizzazioni e altri crediti ceduti sale dell’11,2% (11,7% in febbraio). Da ricordare che nell’ultimo Rapporto sulla stabilità finanziaria via Nazionale ha segnalato come la ripresa congiunturale abbia ridotto il flusso dei crediti deteriorati, sceso al 2,3% in rapporto al totale dei crediti a fine 2016, un valore in linea con i livelli pre-crisi. In termini netti nel 2° semestre 2016 la consistenza dei crediti deteriorati è scesa di 18 miliardi, arrivando a 173 miliardi (9,4% del totale dei crediti) al lordo delle rettifiche il calo è stato di 7 miliardi a 349 miliardi. Il tasso di copertura (il rapporto tra le rettifiche di valore e l’ammontare lordo dei crediti deteriorati) è salito del 4,25 al 50,6%. Per Bankitalia il tasso medio di copertura delle più grandi banche nazionali è più elevato di oltre sei punti rispetto alle concorrenti europee. Ultima memoria da segnare sul tema sono le consistenti rettifiche di UniCredit in vista delle cessioni pianificate per i prossimi mesi di una massa notevole di Npl (17,7 miliardi di sofferenze a un prezzo medio del 13%). Mentre è di ieri la notizia della cessione pro-soluto di Npl per 2,2 miliardi lordi da parte di Nuova Cassa Di Risparmio Di Chieti, Nuova Banca Dell’Etruria e del Lazio e Nuova Banca delle Marche.
Tornando al Supplemento statistico resta da segnalare che i tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, sono saliti al 2,54% (2,47 nel mese precedente), quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all’8,13%. I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono risultati pari all’1,66% (1,52%), mentre quelli sui nuovi prestiti di importo fino a 1 milione di euro sono stati pari al 2,16% e quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all’1,22%. Invariati allo 0,41% i tassi passivi sul complesso dei depositi.

Davide Colombo

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo il via libera della Commissione europea al Recovery Plan italiano arriverà un decreto legge su...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il decreto «sostegni-bis» che il governo punta ad approvare entro la fine del mese parte con una p...

Oggi sulla stampa