Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bankitalia e Inps: assegni disabili fuori da Isee

E’ pressing della Banca d’Italia e dell’Inps sul governo per rimettere mano al meccanismo dell’Isee, la dichiarazione dei redditi e dei patrimoni per accedere ai servizi sociali, al centro delle polemiche perché penalizza le famiglie dei disabili. L’attuale sistema dell’Isee infatti prevede che l’assegno a favore dei disabili rientri nel calcolo dell’indicatore di reddito-patrimonio alzando così la soglia di accesso e eliminando molte famiglie dall’assistenza. Due recenti sentenze del Consiglio di Stato e del Tar hanno ritenuto, invece, che l’indennità di accompagnamento non debba rientrare nel calcolo dell’indicatore. Si è entrati cosi in una fase di incertezza: la Banca d’Italia in una audizione parlamentare ha chiesto ieri di «rimettere a posto l’indicatore Isee salvaguardandone l’impostazione di fondo», considerando alla luce delle sentenze l’intervento «necessario e urgente». Per Via Nazionale, in caso contrario, «l’Isee verrebbe azzerato in un numero elevato di casi». Preoccupazioni giungono anche dall’Inps: «Ribadisco l’importanza di un intervento di urgenza che affronti gli effetti della sentenza del Consiglio di Stato sulle famiglie con disabili. Ci vuole chiarezza da parte del parlamento e dell’esecutivo», ha detto il presidente Tito Boeri.
Intanto si è giunti in dirittura d’arrivo per il varo del Def, Documento di economia e finanza, atteso per venerdì e che al massimo potrebbe slittare a lunedì prossimo. Al centro dell’attenzione le nuove stime sulla crescita e i target di bilancio. Buone notizie sono giunte ieri dall’Istat nel rapporto sui conti pubblici trimestrali: lo scorso anno è stato centrato il rapporto deficit-Pil al 2,6 per cento e nell’ultimo trimestre del 2015 l’indebitamento è risultato più basso. Frena invece il processo di riduzione della pressione fiscale: nel 2015 il rapporto si è attestato al 43,5 per cento, solo lo 0,1 in meno rispetto all’anno precedente e in crescita rispetto alle previsioni dello 0,2. Ha pesato l’intervento del decreto salva-banche in quanto i 2,3 miliardi destinati al fondo di risoluzione delle crisi sono stati computati come imposte indirette. Il ministro dell’Economia Padoan ieri ha comunque rassicurato: l’Italia, ha detto, comincia a «domare» il suo debito monstre e la spesa pubblica «non è fuori controllo».

Roberto Petrini

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un balzo in avanti. In parte previsto, ma che comunque apre una prospettiva diversa rispetto al pess...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Decontribuzione dal 50 al 100% per i lavoratori che usciranno dalla cassa integrazione del settore t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dica la verità, senatrice Bongiorno, ma la Lega vuole davvero i fondi del Recovery che sono legati ...

Oggi sulla stampa