Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bankitalia, in calo a 85,1 miliardi le sofferenze al valore di realizzo

Sono migliorati nel mese di settembre i volumi e la qualità dei crediti registrati nelle statistiche della Banca d’Italia. Cresce la raccolta dei depositi del settore privato (+3,6% sui dodici mesi; 4,1% ad agosto) e crescono anche i prestiti (+0,9% su base annua; 0,7%ad agosto) mentre le soffrenze risultano in calo dell’1,7% (0,1% ad agosto). Se si corregge quest’ultima variazione per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, analogamente a quanto si fa per i prestiti, il tasso di crescita sui dodici mesi delle sofferenze è stato a settembre del 12,1%, in linea con quello del mese precedente. Più in particolare i dati raccolti nel Supplemento al Bollettino statistico “Moneta e banche” rivelano un calo a 85,1 miliardi delle sofferenze al valore di realizzo (erano pari a 85,4 miliardi in agosto), mentre le sofferenze lorde ammontano a 198, 4 miliardi, contro i 199,6 miliardi del mese precedente. Il calo delle sofferenze nette su base annua è di circa 2 miliardi (87,1 miliardi lo scorso anno). Tornando alla raccolta va segnalato invece il calo del 10,1% su base annua di quella obbligazionaria, incluse le obbligazioni detenute dal sistema bancario ,(-10,6 % nel mese precedente). L’attività di credito continua a svolgersi in un contesto di tassi decresenti che prosegue da lungi mesi. I tassi d’interesse sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, sono stati pari al 2,33 per cento (2,52 nel mese precedente, 2,92% nel settembre di un anno fa); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all’8,12 per cento (8,24 nel mese precedente, 8,50% nel settembre di un anno fa). Giù anche i tassi sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro: sono risultati pari al 2,26% (2,46 nel mese precedente) e quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all’’1,02% (1,10%o a agosto). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,42% (0,43% in agosto).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa